M5S: “cosa aspettate a rescindere il contratto con Viterbo Ambiente?”

M5S: “cosa aspettate a rescindere il contratto con Viterbo Ambiente?”

Dopo le dichiarazioni al vetriolo rilasciate da Raffaella Saraconi, Viterbo Ambiente è sempre più in bilico. Sul tema interviene anche Il Movimento 5 Stelle

ADimensione Font+- Stampa

rifiutiCon il caos per la raccolta dell’umido Viterbo Ambiente è ormai finita nel mirino di tutti. Non che prima godesse di troppe simpatie, sarà per essere stata contrattualizzata dalla precedente amministrazione, sarà per la cattiva gestione delle prime fasi della raccolta differenziata porta a porta in tutta la città, sarà quel che sarà, ma questo è il conto. E oggi, dopo le dichiarazioni al vetriolo rilasciate nei giorni scorsi in Consiglio comunale dall’assessore Raffaella Saraconi, Viterbo Ambiente è sempre più in bilico.

“Il Comune – aveva dichiarato – è stanco di avere un servizio così scadente, un servizio pessimo che rappresenta un danno per la città. Viterbo Ambiente sa che o cambia la situazione o sarà rescisso il contratto”. Sul tema interviene anche il Movimento 5 Stelle viterbese che ci va giù pesante. “È mai possibile che la raccolta differenziata venga attuata in modo così dilettantesco e maldestro quando esistono solo leggi da applicare ed esempi virtuosi da seguire?

Non sarebbe ora di rescindere il contratto con Viterbo Ambiente come anche previsto dal contratto? Cosa aspettiamo? Di diventare una nuova Napoli, con tutto il rispetto per la splendida città partenopea, di cui tutti abbiamo stampati in mente i cumuli di immondizia sparsi nelle strade e mostrati dai media di tutto il mondo?”

Il Movimento 5 Stelle incalza poi l’assessore Saraconi: “sa, ad esempio, che il regolamento dei rifiuti di Viterbo prevede all’art. 17 lo smaltimento del tetrapak con la carta e il cartone e che invece, nei suoi volantini, Viterbo Ambiente invita a gettarlo nell’indifferenziato? Cosa aspettiamo, quante altre prove dell’inefficienza ci servono? La misura, a nostro parere, è colma”