L’Unitus costruisce un ponte tra la Tuscia e l’Australia

L’Unitus costruisce un ponte tra la Tuscia e l’Australia

Unitus in prima linea per un collegamento culturale tra Australia e Italia Australia e Italia: incontri ravvicinati nella Tuscia. E’ proprio grazie all’università della Tuscia e all’università dell’Australia Occidentale, se sabato 17 febbraio è stato firmato un Memorandum d’intesa per un progetto di interscambio tra saperi, che coinvolge i due atenei.

ADimensione Font+- Stampa

20L’incontro è avvenuto a Nepi nella sede della Food Bunker. Castagne, nocciole e tartufi: sono le realtà agroalimentari sulle quali viene posta l’attenzione. Obiettivo: rafforzare le attuali connessioni tra Australia e Italia. Durante l’incontro è stata annunciata la 2° Conferenza Internazionale su Castagne, Nocciole e Tartufi, che si terrà a Nannup, Australia Occidentale nel giugno 2018.

Il centro culturale australiano fondato da Peta Lowry ha fatto da raccordo all’iniziativa. Annunciata anche la produzione della terza serie di una sitcom australiana “Plonk” nelle cantine vinicole italiane. A illustrare il progetto il
produttore Alessandro Tartaglia Polcini. Il direttore del Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali dell’università della Tuscia, professor Nicola Lacetera ha illustrato l’importanza di questa neonata collaborazione.

Decarta racconta la Tuscia