Carta di Pisa, Buzzi: “Ciorba fece un intervento accorato. Nomina del padre inopportuna”

Carta di Pisa, Buzzi: “Ciorba fece un intervento accorato. Nomina del padre inopportuna”

Non si placano le polemiche che riguardano il padre del presidente del Consiglio comunale Marco Ciorba sorteggiato e nominato revisore dei conti del Comune di Viterbo

ADimensione Font+- Stampa

Anche Luigi Buzzi (Fratelli d’Italia) interviene per sottolineare l’inopportunità della nomina di Lorenzo Ciorba. Non si placano le polemiche che riguardano il padre del presidente del Consiglio comunale Marco Ciorba sorteggiato e nominato revisore dei conti del Comune di Viterbo. Una vicenda che ha visto scontrarsi nei giorni scorsi opposizione (qui e qui) e maggioranza, fino alla minaccia di azioni legali fatta risuonare dall’ex consigliere di Sel Paolo Moricoli (qui), oggi schierato nella listona delle liste civiche.

Sul tema è intervenuto anche Luigi Buzzi di Fratelli d’Italia, in una intervista a Giuseppe Ferlicca di Tusciaweb, che ha ricordato l’approvazione della Carta di Pisa da parte del comune di Viterbo, carta di cui Ciorba figlio era uno dei principali proponenti.

“Ciorba – dice Buzzi – fece un intervento accorato affinché il comune si dotasse di questo strumento di trasparenza. Qui c’è un organo chiamato a vagliare il bilancio del comune. Alla presidenza va il padre di chi poi dovrà approvare o bocciare il bilancio stesso. Credo che sia una situazione decisamente inopportuna”.