Lo schiaffo dei viterbesi ai caduti, la fontana del Sacrario ridotta a stagno

Lo schiaffo dei viterbesi ai caduti, la fontana del Sacrario ridotta a stagno

All'interno della fontana del Sacrario dove anni fa i sguazzavano pesci rossi, attrazione per tutti i bambini di passaggio, ora galleggiano buste di plastica e melma. E l'acqua è verde. Sarebbe stata meglio rossa, colore della vergogna.

ADimensione Font+- Stampa

Uno schiaffo alla memoria dei caduti viterbesi, questo è il degrado che deturpa la fontana del Sacrario. Da parte sua il Comune di Viterbo, per bocca dell’assessore Alvaro Ricci, ha annunciato che a breve verrà approvato un piano di interventi sistematici annuale per la pulizia e manutenzione delle fontane. Ma in attesa dell’arrivo dell’età dell’oro, o meglio della normalità, la quotidianità ci impone di assistere a questo scempio.

Possibile che non ci sono i soldi in cassa nemmeno per pulire una fontana? Eppure non sembra proprio, a giudicare da altre spese che vengono fatte con grande serenità. All’interno della fontana del Sacrario dove anni fa i sguazzavano pesci rossi, attrazione per tutti i bambini di passaggio, ora galleggiano buste di plastica e melma. E l’acqua è verde. Sarebbe stata meglio rossa, colore della vergogna.

sacrario 02