L’inesorabile oblio di Via Saffi e la fine del progetto “Cantieri”

L’inesorabile oblio di Via Saffi e la fine del progetto “Cantieri”

Nonostante i tentativi, Via Saffi non ce la fa a sollevarsi dall’oblio e scrollarsi di dosso la polvere dell’abbandono. Una delibera comunale decreta la fine del progetto “Via Saffi Cantieri” di Dino e Andrea Passeri

ADimensione Font+- Stampa

Nonostante i tentativi, Via Saffi non ce la fa a sollevarsi dall’oblio e scrollarsi di dosso la polvere dell’abbandono.

Una delibera comunale decreta la fine del progetto “Via Saffi Cantieri” di Dino e Andrea Passeri che aveva fatto ben sperare nella rinascita di una delle vie più caratteristiche della città. La società “Fuori Provincia” di proprietà dei fratelli Passeri, è sparita dal panorama viterbese fisicamente e progettualmente.

Sono scaduti infatti i termini della dichiarazione Scia (segnalazione certificata di inizio attività) e l’ambizioso progetto di riqualificazione della storica strada viterbese è ufficialmente naufragato.

L’Assessore Perà chiarisce i termini della scadenza della dichiarazione confermando quello che era già noto a chi la città la vive tutti i giorni: il progetto Cantieri era già morto da tempo, sparito dai dibattiti, ma soprattutto sparito nei fatti che dovevano riportare Via Saffi a rifiorire con gente per la strada e esercizi commerciali.

Un’occasione sprecata? Un progetto troppo ambizioso per Viterbo? Di sicuro un’occasione persa.

 

Decarta racconta la Tuscia