Lettere dei “bambini” di Pianoscarano a Babbo Natale

Lettere dei “bambini” di Pianoscarano a Babbo Natale

Nella buca delle lettere de La Fune è arrivata copia della lettera che i "bambini" di Pianoscarano, guidati da Mauro Mondini, hanno scritto a Babbo Natale.

ADimensione Font+- Stampa

Nella buca delle lettere de La Fune è arrivata copia della lettera che i “bambini” di Pianoscarano, guidati da Mauro Mondini, hanno scritto a Babbo Natale.

“Caro Babbo Natale noi bambini di Pianoscarano quest’anno abbiamo un grande desiderio e solo tu puoi aiutarci. Noi vorremmo che i nostri “cari” amministratori, dal sindaco all’assessore Ricci all’amico Fabbrini diventassero finalmente più buoni.

Sai caro Babbo Natale noi “bambini” piascaranesi a questi signori sono mesi, anzi anni, che chiediamo due cosine in particolare. Una sistematina alla nostra cara fontana e qualche fioriera per proteggerla dalle auto. Certo a dire la verità il primo desiderio è stato quasi esaudito, dato che la fontana non perde più acqua.

L’hanno chiusa da due mesi e arrivederci problema risolto… . Poi però il “bambino” nostro amico Fabbrini ci ha detto che il Comune sta provvedendo e bisogna solo aspettare qualche giorno perché la fontana si asciughi. Ma dopo due mesi di acqua chiusa noi bambini abbiamo chiesto ai nostri nonni il significato delle parole “stiamo provvedendo” e “qualche giorno”.

Come risposta ci hanno dato un pappone per uno e ci hanno detto “che semo fiji e nun potemo capì le bucie de li grandi”. Poi caro Babbo Natale devi sapere che noi “bambini” abbiamo fatto dei fioretti.

Invece di comperare le figurine e le caramelle abbiamo messo via i soldini e siccome il Comune non ha i soldi per comperare le fioriere da mettere attorno la fontana con quei soldini le vorremmo comperare noi. Ma caro Babbo Natale al nostro Comune non va bene neanche così.

Il nostro Comune a noi bambini di Pianoscarano proprio non vuole bene. Noi non lo vogliamo chiedere ai nostri nonni il perché, dato che prenderemmo un altro pappone. Però tra pochi mesi siamo sicuri che anche a noi bambini qualcuno di questi signori ci verrà a cercare. Lo fanno sempre ogni quattro/cinque anni e tu Babbo Natale sai il perché.

E allora caro Babbo Natale sto giro qualche pappone lo daremo noi, tanto siamo bambini lo potemo fa. Buon Natale a tutti tranne a qualcuno”.