“Lei non può entrare” e il sindaco viene lasciato fuori dalla scuola comunale

“Lei non può entrare” e il sindaco viene lasciato fuori dalla scuola comunale

Il primo cittadino di Castel Sant'Elia costretto a improvvisare un saluto agli studenti fuori dai cancelli della scuola a causa di un duro scontro con la dirigente

ADimensione Font+- Stampa

“Lei qui non può entrare!”. Momenti di imbarazzo lo scorso lunedì a Castel Sant’Elia durante la riapertura delle scuole, quando la dirigente scolastica delle elementari del paese non ha permesso l’ingresso al sindaco e all’amministrazione comunale, che ogni anno celebrano l’inizio dell’anno scolastico con una cerimonia d’apertura.

Il primo cittadino, Rodolfo Mazzolini, non ha potuto neanche raggiungere il cortile della scuola – di proprietà comunale tra le altre cose – ma si è dovuto fermare di fronte al cancello, dove è stato improvvisato un saluto ai bambini fra l’imbarazzo generale. Un duro testa a testa fra dirigente e sindaco, che si è risolto con la messa al bando del primo cittadino, che per non agitare ancora di più le acque e per rispetto dei bambini non ha sollevato un polverone davanti ai cancelli della scuola.

Il sindaco, però, sembra essersi legato la cosa al dito e ha già annunciato l’invio di una lettere a Ministero e Procura. Dalla scuola, invece, ancora tutto sembra tacere. Secondo le voci di paese, però, lo scontro tra Comune e scuola sarebbe la conseguenza di una lettera inviata dal sindaco di Castel Sant’Elia e da quello di Nepi lo scorso anno, nella quale si chiedeva di rispettare una delibera del consiglio d’istituto sul sabato libero, mentre il consiglio dei docenti aveva votato la decisione opposta.

Decarta racconta la Tuscia