Leggi l’alfabeto de La Fune – la top ten della settimana

Leggi l’alfabeto de La Fune – la top ten della settimana

Leggi in dieci lettere i fatti e i protagonisti al centro dell'attenzione di questa settimana. Dal gemellaggio con Avignone e le sue foto alla partita di rugby contro il cancro di questa domenica.

ADimensione Font+- Stampa

Alfabeto

A come “ammazza che casino dentro al Pd viterbese. E’ bastata una telefonata degli Sbottonati al consigliere Arduino Troili per scatenare il putiferio. Grazie a quella chiamata è stato possibile scoprire che Domenico Tarantino si è dimesso da un mese dalla segreteria del circolo. Si è arrivati anche all’annunciata querela per diffamazione verso quest’ultimo da parte di Melissa Mongiardo e circolo provinciale Pd. Poi le rettifiche di Troili e di Tarantino. E’ vero, una telefonata allunga la vita e la rende ricca di colpi di scena.

B come Bizzarri Daniela. Anche lei è entrata nell’Anci. Auguri!

C di crisi. Quella di Palazzo dei Priori sta per chiudersi. Come? Nel più micheliniano dei modi: “per cambiare non cambiare”. Tutti gli assessori resteranno al proprio posto e lunedì il sindaco presenterà alla maggioranza la propria idea di dividere i servizi (rifiuti, verde pubblico, energia) dai Lavori Pubblici. Chi andrà ai servizi? Lo scopriremo dopo Natale.

G di “gemellaggio”. Questa settimana è stata una delle notizie che hanno tirato di più. La foto di Leonardo Michelini e Tonino Delli Iaconi (a.k.a. Scarface) nella splendida città francese non ha prezzo.

I come “Incontri differenti”. Quando la psicologia apre temi di cui è difficile parlare. Un plauso alle dottoresse Grazie Bandiera e Claudia Urbani per aver messo al centro i temi dell’omofobia.

M di Marconi, non l’inventore della radio ma via Marconi. Abbiamo scoperto in questi giorni che è un vero e proprio far west, dove è difficile guidare la diligenza degli autobus Francigena. Sta per scoppiare un grande casino, ne siamo sicuri…

P, anzi doppia P, come Paolo Pelliccia. Il vulcanico commissario del Consorzio Biblioteche sta tracciando una strada nel capoluogo della Tuscia: “parlare poco e fare tanto”. Chi si reca oggi dalle parti di viale Trento pensa già di essere in Europa.

R di rifiuti. La città è invasa e il servizio, che ancora deve partire al meglio, è già preistoria. Vi abbiamo invitato a buttare gli occhi su Perugia. Il servizio, anche là, è gestito da Gesenu. Perché sembra di essere in un altro pianeta a soli 150 chilometri da palazzo papale?

S come sala Gatti. Non erano in 44, come cantava Cristina D’Avena, ma poco c’è mancato. Stiamo parlando della terza convention di Viva Viterbo. Il movimento di Filippo Rossi è in caduta libera?

V di vita e l’appuntamento che più la celebra questa settimana è sicuramente la partita “col baffo” che l’Union Rugby gioca oggi contro il cancro. Ma anche contro la squadra orvietana. Tutti sugli spalti, attendendo il terzo tempo.