Lega sola al primo turno, tavolo del centrodestra ancora aperto ma difficile trovare la sintesi

Lega sola al primo turno, tavolo del centrodestra ancora aperto ma difficile trovare la sintesi

Tavolo del centrodestra in crisi nera. Ieri altro incontro romano. Niente di fatto. La situazione resta altamente ingarbugliata. Pare tramontare l'ipotesi Alessandro Usai che non passa. Così nella serata di ieri ha iniziato a circolare un'indiscrezione: la Lega corre da sola, candidato sindaco Pietro Bevilacqua.

ADimensione Font+- Stampa

Tavolo del centrodestra in crisi nera. Ieri altro incontro romano. Niente di fatto. La situazione resta altamente ingarbugliata. Pare tramontare l’ipotesi Alessandro Usai che non passa. Così nella serata di ieri ha iniziato a circolare un’indiscrezione: la Lega corre da sola, candidato sindaco Pietro Bevilacqua.

Telefonata d’obbligo al diretto interessato, smentita soft. “Rispondo come rispose il cardinal Montini quando gli dissero che il Conclave avrebbe votato lui: “Se sarò chiamato risponderò. E’ una grandissima responsabilità, speriamo di essere all’altezza”. 

Intorno al tavolo del centrodestra ronzano i guastatori. Seminatori di zizzania, doppio-triplo giochisti, calcolatori pseudo sottili, furbi o presunti tali. Tutto questo ha avvelenato i pozzi che avrebbero dovuto portare acqua al tavolo originario. Difficile per come si sono messe le cose tenere tutti insieme. Anche se da parte dei più c’è la consapevolezza di una vittoria solo tenendo unita la coalizione. 

 

Decarta racconta la Tuscia