Lega, FdI e Casapound insieme al 33%: a Viterbo stravince la destra

Lega, FdI e Casapound insieme al 33%: a Viterbo stravince la destra

Lega al 19%, Fratelli quasi al 10% e Casapound al 4%: più di un viterbese su tre ha scelto la destra\destra radicale.

ADimensione Font+- Stampa

Lega al 19%, Fratelli quasi al 10% e Casapound al 4%: più di un viterbese su tre ha scelto la destra\destra radicale. Un risultato clamoroso anche per una Città culturalmente e storicamente posizionata in questa area culturale. Questi i dati alla Camera dei Deputati, ai quali si aggiunge un quasi 13% di Forza Italia. Viterbo, dopo 5 anni nelle mani del Centrosinistra, si risveglia di botto nel cuore della destra.

Non è un caso che la circoscrizione di Viterbo è quella con la percentuale di voti alla Lega più alta nel Centrosud. Risultato molto importante anche per Casapound che ottiene quasi il 4%, contro meno dell’1% a livello nazionale. Forte anche Fratelli d’Italia che porta a casa più del doppio dei voti rispetto al trend nazionale.

Tre partiti che hanno scandito slogan e utilizzato argomentazioni simili, su temi molto cari agli elettori: sicurezza, immigrazione, Euro\Europa sono infatti stati gli argomenti trattati con maggiore forza da questi partiti.

Insieme a loro un restante 30% ha votato Movimento 5 Stelle, che proprio sugli stessi temi ha utilizzato un linguaggio sempre più vicino a quello delle forze di destra citate.

Un risultato sul quale il centrodestra moderato, da Forza Italia ai centristi, e il centrosinistra, quasi scomparso alla Camera e magicamente risorto alle Regionali (con un Pd passato dal 14 al 25% nello stesso giorno), dovranno riflettere se vorranno costruire una alternativa credibile e per recuperare consenso drasticamente spostatosi a destra.

Malissimo invece la sinistra, Potere al Popolo e Liberi e Uguali ottengono infatti appena il 2,7% e l’1,4%. Un po’ poco per riuscire a dire qualcosa facendosi sentire.

 

 


 

Risultati elezioni politiche

Risultati elezioni regionali

 

 

 

 

Decarta racconta la Tuscia