Le ‘Storie Maledette’ di Franca Leosini arrivano a Gradoli

Le ‘Storie Maledette’ di Franca Leosini arrivano a Gradoli

“Scomparire a Gradoli nel silenzio di un paesaggio di quieta dolcezza affacciato sul lago di Bolsena. Tatiana Ceoban e la figlia Elena scompaiono all’improvviso da Gradoli il 30 maggio del 2009. C’è un mistero irrisolto e una condanna senza remissione”.

ADimensione Font+- Stampa

“Scomparire a Gradoli nel silenzio di un paesaggio di quieta dolcezza affacciato sul lago di Bolsena. Tatiana Ceoban e la figlia Elena scompaiono all’improvviso da Gradoli il 30 maggio del 2009. C’è un mistero irrisolto e una condanna senza remissione”.

Così recita l’incipit della trasmissione di Raitre “Storie Maledette” condotta da Franca Leosini. Nella serata di domenica 25 marzo, va in onda l’intervista della nota giornalista dedita al racconto dei fatti di cronaca più scabrosi negli ultimi decenni. Dopo il giallo del delitto di Avetrana, la Leosini fa tappa nel carcere di Mammagialla di Viterbo e intervista Paolo Esposito, condannato all’ergastolo per il duplice omicidio della compagna e della figlia tredicenne di lei. I loro corpi non verranno mai ritrovati, ma il colpevole di questo duplice omicidio sì, Paolo Esposito, elettricista informatico, compagno all’epoca dei fatti di Tatiana e amante di sua sorella Ala Ceoban, anche lei di origine moldava, venuta in Italia per cercare fortuna.

Lo stile inconfondibile di Franca Leosini, racconterà tutte le fasi del delitto e del processo che hanno portato alla condanna massima per Esposito. E’ possibile riguardare la puntata di “Storie Maledette” sul sito www.raiplay.it.