Le schede elettorali: quella verde è per le elezioni regionali, le altre per il Parlamento

Le schede elettorali: quella verde è per le elezioni regionali, le altre per il Parlamento

Tre schede elettorali: rosa per la Camera dei Deputati, gialla per il Senato della Repubblica e verde per le elezioni regionali

ADimensione Font+- Stampa

Tre schede elettorali: rosa per la Camera dei Deputati, gialla per il Senato della Repubblica e verde per le elezioni regionali. Ecco ciò che i residenti di Viterbo si troveranno di fronte alle prossime elezioni di domani 4 marzo. I seggi sono aperti dalle 7 alle 23. Qui le istruzioni per il voto, in attesa del risultato, per le elezioni Regionali del Lazio, qui la guida al voto per le elezioni politiche. All’interno delle guide tutti i candidati, i programmi e le istruzioni per il voto.
 

Elezioni politiche 2018

Le regole principali, ecco come è ammesso il voto:

  • Con una X sul simbolo del Partito: il voto si estende naturalmente anche al nome del candidato uninominale di coalizione.
  • Con una X sul nome del Candidato uninominale: il voto si estende proporzionalmente ai partiti che lo sostengono per il calcolo proporzionale dei seggi a livello di Circoscrizione elettorale.
  • Con una X su entrambi: sia sul Partito che sul voto del candidato

 

Cosa NON si può fare: 

  • Non si può fare voto disgiunto tra un candidato all’uninominale e un partito che non lo sostiene
  • Non si può esprimere una preferenza tra i nomi del listino

 

Leggi la guida al voto completa qui.

 

Elezioni regionali del Lazio 2018

elezioni regionali del Lazio 2018

 

Le regole principali, ecco come è ammesso il voto:

  • Con una X sul simbolo del Partito: il voto si estende naturalmente anche al nome del candidato presidente della coalizione\partito che lo sostiene
  • Con una X sul del candidato Presidente: il voto si estende proporzionalmente ai partiti che lo sostengono per il calcolo proporzionale dei seggi
  • Con una X su entrambi: sia sul Partito che sul voto del candidato
  • Esprimendo fino a due nomi del Partito che sostiene un candidato Presidente da scrivere correttamente nello spazio dedicato. I due nomi devono essere di sesso diverso. Il voto si estende anche al candidato presidente collegato, se non si opta per il voto disgiunto.
  • Con il voto disgiunto: votando un partito (anche esprimendo una o due preferenze sul nome) e un candidato presidente di un’altra coalizione.

Per la guida completa, clicca qui.

 

 

Decarta racconta la Tuscia