Le presidenziali americane viste dalla viterbese Fabiana Cannella, da Bagnaia a Baltimora

Le presidenziali americane viste dalla viterbese Fabiana Cannella, da Bagnaia a Baltimora

Nel giorno del voto americano abbiamo contattato una viterbese che ormai da più di un anno vive negli Stati Uniti. Fabiana Cannella, classe '83. Da Bagnaia a Baltimora, dove sta vivendo un periodo di ricerca post dottorato, come virologa, presso la John Hopkins University.

ADimensione Font+- Stampa

Nel giorno del voto americano abbiamo contattato una viterbese che ormai da più di un anno vive negli Stati Uniti. Fabiana Cannella, classe ’83. Da Bagnaia a Baltimora, dove sta vivendo un periodo di ricerca post dottorato, come virologa, presso la John Hopkins University.

Che sensazione hai su Election Day?

“Che dire? La città dove vivo è fortemente democratica. La percezione che ho su queste elezioni è sicuramente influenzata da quello che mi accade intorno”.

Come hai vissuto questa campagna elettorale?

“Comprando gadget sciocchi, da brava italiana che li prende un po’ per matti e vivendo i dibattiti che ci sono stati, e che ho seguito con attenzione, essenzialmente come uno show comico”.

Che gadget hai comprato?

“Una maglietta di Hillary, con la scritta “We Can Do It!”, così capite anche per chi parteggio. Ma anche delle cose di Trump. Hanno fatto anche delle caramelle con la “cacchina” a sembianza di Trump”.

Chi pensi riuscirà a vincere?

“Secondo me Hillary Clinton. Almeno lo spero. La sensazione generale mi sembra essere questa”.

Cosa pensi di Trump?

“Posso dirla esattamente come la penso? E’ un pagliaccio; secondo me è un po’ un burattino che sta lì solo perché ha molte possibilità economiche ma non ha davvero delle idee”.

Eppure sta avendo consensi, non trovi?

“Sì siuramente, però non ho conosciuto nessuno di persona che vota per lui. Sicuramente da quello che posso pensare chi lo vota decide di farlo perché vuole meno immigrati, più ordine. In sostanza gli stessi motivi per cui in Italia c’è chi vota Salvini. Comunque Trump viene votato nelle campagne e nei piccoli centri. Se vai in zone residenziali fuori città è facile vedere nei giardini cartelli con su scritto che votano per Trump”.

Seguirai l’esito del voto?

“Sicuramente. Anche perché verrà trasmesso nei locali tipo evento sportivo”.

gadget

Decarta racconta la Tuscia