Lavoro, pensioni, sanità; anche la Cgil di Viterbo in piazza a Roma

Lavoro, pensioni, sanità; anche la Cgil di Viterbo in piazza a Roma

Miranda Perinelli, segretaria dello Spi-Cgil Civitavecchia Roma Nord Viterbo, dà appuntamento a tutti in piazza a Roma: “Sanità, lavoro, pensioni: sabato mattina manifestazione nazionale e unitaria”.

ADimensione Font+- Stampa

Miranda Perinelli, segretaria dello Spi-Cgil Civitavecchia Roma Nord Viterbo, dà appuntamento a tutti in piazza a Roma: “Sanità, lavoro, pensioni: sabato mattina manifestazione nazionale e unitaria”.

“Assicurare un’assistenza sanitaria a tutti, garantire un sistema pensionistico più equo, dare lavoro e prospettive concrete ai giovani, rinnovare i contratti. Sono solo alcuni dei temi al centro della mobilitazione nazionale che Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato per il prossimo 14 ottobre. L’appuntamento è in diverse piazze d’Italia. Per Viterbo, il ritrovo è a Roma in piazza Santissimi Apostoli dalle 9,30 alle 12 – scrive la segretaria Perinelli.

La sanità, si diceva. Oggi tra gli 11 e i 12 milioni di cittadini non accedono più al sistema sanitario nazionale, eppure nel documento di economia e finanza c’è un ulteriore taglio del fondo. Sul lavoro, ricordiamo che i nuovi dati sull’occupazione sono figli di una legge iniqua e sbagliata, perché il Jobs Act, oltre a ridurre i diritti, non serve a creare nuovi posti di lavoro bensì genera solo precarietà. Le pensioni, poi, vanno modificate tenendo a mente la precarizzazione del lavoro per i giovani al fine di evitare che in futuro ci siano generazioni di anziani poveri. Infine, il rinnovo dei contratti non è solo questione di giustizia ma anche di economia: solo così si possono rilanciare i consumi.

Sono insomma tanti i motivi che ci spingono a tornare in piazza e a non mollare rispetto alle tante rivendicazioni che stiamo portando avanti. Contiamo di essere in molti, con centinaia di viterbesi pronti a manifestare a Roma. E come sempre i pensionati saranno in prima fila per difendere i propri diritti ma anche quelli delle nuove generazioni”.

Banner
Banner
Banner