Lavoratori extracomunitari in regola portati sui campi da un sistema di trasporto a nero

Lavoratori extracomunitari in regola portati sui campi da un sistema di trasporto a nero

A scoprire il tutto gli uomini della Guardia di Finanza. Da circa un mese hanno seguito il giro, con tanto di appostamenti e pedinamenti. Ignari, stando a quanto accertato dalle fiamme gialle, i datori di lavoro. L'accusa di esercizio abusivo dell'attività di tassinaggio. Sotto sequestro i mezzi utilizzati.

ADimensione Font+- Stampa

Lavoratori extracomunitari in regola nelle campagne del Viterbese ma le Fiamme Gialle scoprono un servizio di trasporto sul posto di lavoro a nero. 60 euro al mese, questo quanto avrebbe pagato ogni singolo passeggero, per essere portati al lavoro. Sacrario-Castel d’Asso il tragitto. Una serie di spostamenti rapidi, con inizio alla luce dell’alba (intorno alle 6). Il tutto su mezzi sprovvisti addirittura di assicurazione. Più viaggi al giorno, con un carico massimo di 8 passeggeri.

A scoprire il tutto gli uomini della Guardia di Finanza. Da circa un mese hanno seguito il giro, con tanto di appostamenti e pedinamenti. Ignari, stando a quanto accertato dalle fiamme gialle, i datori di lavoro. L’accusa di esercizio abusivo dell’attività di tassinaggio. Sotto sequestro i mezzi utilizzati.

Banner
Banner
Banner