L’artigianato e i sapori della Tuscia in mostra a San Pellegrino in Fiore

L’artigianato e i sapori della Tuscia in mostra a San Pellegrino in Fiore

Tre location nel quartiere medievale della città ospiteranno "Arti e Sapori", la manifestazione della Camera di Commercio per mettere in mostra la qualità della Tuscia

ADimensione Font+- Stampa

La Camera di Commercio di Viterbo scende in campo durante San Pellegrino in Fiore, l’evento che apre ufficialmente la primavera viterbese, riempiendo strade e piazze del quartiere medievale con fiori e installazioni artistiche. Dal 29 aprile al primo maggio, però, insieme al profumo delle piante che inonda la città, ci sarà anche quello dei prodotti tipici della Tuscia, unito alle bellezze dell’artigianato locale, il tutto grazie all’evento “Arti e Sapori”.

Sono 22 le imprese che durante San Pellegrino in Fiore presenteranno i loro prodotti al pubblico. Dalle 10 alle 19.30 in tre diverse location all’interno del quartiere medievale, gli artigiani e i produttori del viterbese si metteranno in mostra fra i fiori e le piante. Le tre location scelte daranno risalto ai vari prodotti in esposizione. Nella ex chiesa di San Salvatore saranno messi in mostra i prodotti del settore agroalimentare, mentre l’artigianato campeggerà in piazza San Carluccio e in piazza della Morte.

 

“San Pellegrino in fiore – dichiara Domenico Merlani, presidente della Camera di Commercio Viterbo – è da tempo inserita nelle programmazioni turistiche di molti tour operator e nei calendari degli eventi del settore, attraendo tantissimi visitatori provenienti da ogni parte d’Italia. Un appuntamento straordinario per i turisti nella Città dei Papi che oltre ad ammirare gli addobbi floreali e gli scorci medievali, grazie alla collaborazione dei nostri produttori e artigiani, potranno apprezzare le eccellenze enogastronomiche e artistiche della Tuscia”.

Le imprese del settore agroalimentare partecipanti ad “Arti e sapori” sono: Antica Norcineria Morelli, Birrificio Itineris, Petrignanum, Birra Turan, Sensi, Olio Ottaviani, Frantoio Battaglini, Agriristoro Il Calice e la Stella, Apifarm e Castelli Debora. Per l’artigianato e la ceramica artistica: Ceramica è Fantasia, Bell’Ornato Vetrate d’Arte, Mastro Cencio Ceramiche, Cristiano Monzillo, Ceramiche Cirioni Anna, E.R.A. Marmi, Antica Legatoria Viali, Sublima Art, Marabui, Ecolignum, D.R. Living Stone e Podere dell’Arco.

Decarta racconta la Tuscia