L’alfabeto de La Fune – La top ten

L’alfabeto de La Fune – La top ten

Una settimana intensa con La Fune che ha aperto un tema di discussione molto seguito e alimentato da una serie d'interventi: quello sul ruolo dei giovani nella Tuscia. Poi i riflettori puntati sul Bullicame in totale abbandono, l'inviato speciale a Sanremo Pietro Bevilacqua e tanto altro.

ADimensione Font+- Stampa

A come “Allah akbar”. E’ stata la settimana della grande paura al terminal Cotral del Riello. Con un trentenne extracomunitario che dopo aver pestato a sangue un controllore sull’autobus, all’altezza del cimitero di San Lazzaro, ha pensato bene di mettere in scena anche una minaccia di farsi saltare in aria. Mala tempora currunt …

B di “bilancio”. A Viterbo ancora stanno predisponendo il documento di previsione da portare in consiglio. Scadenza fissata per il 31 marzo, c’è chi prevede nottate insonni in sala d’Ercole. 

C come “Cinque Stelle”. Questa settimana un esponente del centrodestra viterbese come Gianmaria Santucci ha candidamente dichiarato in diretta sulla trasmissione Sbottonati (Radio Verde) che preferirebbe un governo pentastellato a Palazzo dei Priori piuttosto che un bis dell’attuale amministrazione. In caso di ballottaggio quindi i Cinque Stelle potrebbero contare anche su appoggi esterni. 

E di “Egidi Andrea”. Dal suo profilo Facebook ha dato una bella stoccata “all’amico” Fioroni sul delicato tema dei rapporti tra politica e sanità. L’intervento, rilanciato da La Fune e ripreso da altri giornali, ha dato di chi riflettere. 

E2 come “elezioni anticipate”. I bene informati si stanno preparando alla campagna elettorale anticipata anche per il Comune di Viterbo in caso di voto nazionale a giugno. Riflettori puntati sulla direzione Pd di domani. 

G di “giovani”. La Fune questa settimana ha lanciato una precisa domanda: “Dove sono i giovani della Tuscia”. Si è scatenato il pandemonio con tante risposte e letture sul punto arrivate in redazione. C’è tanto da scrivere e l’argomento tira… Sarà forse maturi i tempi di un cambiamento, anche generazionale?

G2 di “Grazie a Pietro Bevilacqua”, inviato speciale a Sanremo 2017 per La Fune. Ci ha regalato previsioni, commenti e interviste che hanno interessato tanti lettori. 

P di “preti pedofili”. Un servizio di La 7 mostra che alcuni degli accusati per le vicende dell’Istituto Provolo ora si trovano nella Tuscia. Non si può più stare sereni neanche nelle campagne …

T come “termalismo viterbese”. In questi giorni La Fune ha acceso i riflettori sulla condizione del Bullicame. Da Palazzo dei Priori nessuno ha fiatato. Non c’è più soddisfazione …

Z come Ztl. Forse non ha tanto senso chiudere la parte monumentale del centro storico tutti i giorni. La questione è posta, varrebbe la pena fermarsi un attimo e riflettere bene. Almeno per quanto riguarda i mesi invernali …

 

Banner
Banner
Banner