L’alfabeto de La Fune – La top ten

L’alfabeto de La Fune – La top ten

Dieci lettere per raccontare la settimana di Natale. Cento lavoratori lasciati senza soldi da mesi ad Acquapendente, Mammorappo che mette a segno un grande successo e tanto altro.

ADimensione Font+- Stampa

A di “Ail”. Hanno venduto nelle piazze di Viterbo la bellezza di 6mila stelle di Natale per raccogliere fondi a sostegno della ricerca contro leucemie e linfomi. In questi giorni è partita una nuova importante raccolta attraverso la vendita dei biglietti del concerto de ‘I Solisti Aquilani’, realizzato in collaborazione con Saggini Costruzioni. Potrebbe essere un bel regalo di Natale. Forza, acquistate gente.

A2 come “amaro Natale” per 100 lavoratori aquesiani. Vi stringiamo forte.

B di “barca di tre metri”. A Viterbo ne hanno abbandonata una, tra i rifiuti di una piccola discarica abusiva, a ridosso della superstrada. Qualcuno avrà in mente di lanciare l’idea del porto a Viterbo? Dopo Viterbo Vola arriva Viterbo Naviga (in cattive acque).

G come “guerra del nido di Bagnaia”. Botta e risposta serrato tra le due ladies di Palazzo dei Priori Antonella Sberna e Alessandra Troncarelli. Parità e palla al centro.

M di “Mannequin Challenge Sporting Bagnoregio”. I ragazzi dalla tifoseria da invidia hanno messo a segno un bel colpo con un video destinato a spopolare sul web. Hanno battuto a tavolino Borussia Dortmunt e la nazionale del Portogallo, realizzando un lavoro infinitamente più succoso per Natale. Finiranno su qualche testata nazionale? “Non succede, ma se succede …”.

O come “Oh fregna tè”. Mammorappo ha “spaccato” di nuovo e il contatore delle visualizzazioni del suo nuovo brano è impazzito. La viterbesità paga.

P come “Parco commerciale e artigianale Poggino”. Un gruppo di imprenditori viterbesi ha fatto la mossa attesa da anni. Con un piccolo investimento in comunicazione sono riusciti a dare voce a un’area di Viterbo lungamente lasciata all’abbandono ma dalle potenzialità straordinarie. Che il 2017 segni una svolta.

P2 di “Pietà”, ma anche di “politica” che interviene contro il parere dei tecnici e manda il quadro viterbese di Del Piombo a Londra. Speriamo torni sano e salvo: “God save the Pietà”.

T di “Talete”. Un anno particolarmente caldo per la società di gestione del servizio idrico nella Tuscia. Di queste ore la notizia di un’inchiesta della Procura in corso per falso in bilancio. Anche a noi i conti non hanno mai quadrato. Capiremo finalmente la verità, almeno quella giudiziaria.

V come “Voyager”. La puntata che tanti viterbesi attendevano andrà in onda il 30 dicembre. Preparate i pop corn.

Banner
Banner
Banner