L’alfabeto de La Fune – La top ten

L’alfabeto de La Fune – La top ten

Una settimana riassunta in dieci lettere per avere un quadro dei fatti principali e dei personaggi protagonisti. Immancabile Arduino Troili, inventore del PdB: il Partito di Bagnaia e il compattatore di rifiuti del Sacrario. Una roba da 12mila lettori e più di 4mila "mi piace". L'immondizia è il futuro.

ADimensione Font+- Stampa

A come “ancora acqua all’arsenico”. Il problema è tutt’altro che risolto. Ronciglione, Tuscania e Vetralla maglia nera. Nella piccola frazione vetrallese di Tre Croci i valori arrivano al triplo del consentito, centrando quota trenta microgrammi al litro. C’è chi sospetta si stia tentando un avvelenamento di massa.

B di “bandi”. Una vera e propria rarità per il comparto Cultura di Palazzo dei Priori. Eppure questa settimana l’impensabile è accaduto. Messi a bando 36.864 euro. Tranquilli, accade solo per le frazioni. I lobbisti della cultura del capoluogo possono dormire sonni sereni, tutti gli altri possono continuare a dormire in piedi. Senza russare, please!

F come “Fiore del Cielo”. La creatura di Vittori ritorna a casa e di sicuro passerà alla storia come la “lucky Macchina”. Nella vita la fortuna è tutto.

I di “isola che non c’è”. Oggi l’apparizione alle Terme Salus. C’è chi giura di aver visto sulla città l’ombra dell’uncino di Hook.

L come “led” o meglio “albero di Natale al led”. E’ tornato, come nella migliore tradizione viterbese. Questa volta però nella variante della location. Non più piazza del Comune ma piazza San Lorenzo, dicono. La domanda a questo punto è legittima: chi lo vedrà?

M come “Moltoni Chicco” ma anche come “mostro” (il mostro) o più semplicemente “molto in bilico”. E’ stata la settimana dell’avvio della procedura di decadenza che lo riguarda. Hanno suonato le diverse campane: da chi sostiene che tutto sia figlio di una strategia politica che punterebbe a buttarlo fuori per rimpiazzarlo con il “più micheliniano” Claudio Mecozzi; chi ha bollato tutto come “atto dovuto” e infine – l’uomo della strada qualunque – chi guarda e dice “ma che sta scucendo?”.

P di “parcheggi intelligenti”. Saranno presto attivi in città, grazie al lavoro sull’infomobilità di Alvaro Ricci. E una volta assicurati i parcheggi intelligenti saranno acquistati anche gli automobilisti intelligenti. Presto il bando di concorso.

P 2 di “Prato Giardino”. Nelle scorse settimane vi abbiamo raccontato la “rivoluzione” pensata dall’assessore Saraconi per la manutenzione del principale parco cittadino. Questa settimana la notizia che sono stati stanziati 40mila euro per la sistemazione. Finalmente Prato Giardino è tornato visibile.

R di “rifiuti”. La notizia di un compattatore dove sarà possibile, dal 2 dicembre, inserire bottiglie e imballaggi e avere in cambio dei buoni da spendere in realtà convenzionate ha fruttato qualcosa come 12mila lettori, 4mila e 200 “mi piace” e 20mila visualizzazioni facebook. Hanno ragione quelli di Zero Waste, l’immondizia è il futuro. Speriamo che non sia anche un futuro da buttare.

T di “Troili Arduino”. Questa settimana l’annuncio del PdB, il Partito di Bagnaia. Evoluzione nostrana del Partito Democratico. Paese che vai, partito che trovi.