L’alfabeto de La Fune – La top ten

L’alfabeto de La Fune – La top ten

Dieci lettere per raccontare una settimana fatta di cene, di sblocco della situazione termale viterbese ma anche di strani incendi, finanziamenti corposi al tpl e tanto altro.

ADimensione Font+- Stampa

B di “buchi”. Quelli della rete idrica gestita da Talete causano perdite pari a circa il 40% dell’acqua in transito. Roba da vergognarsi.

C come “cena del centrodestra”. Tanto si è parlato in questi giorni dell’incontro in un noto locale, il Richiastro, di pezzi della galassia ex berlusconiana. Qualcuno non è stato invitato ma si fa sempre in tempo ad aggiungere un posto a tavola.

C2 di “Civita di Bagnoregio”. Aumenta il ticket perché il piccolo comune prodigio sta aprendo una seconda fase dello sviluppo turistico del territorio. Parola d’ordine: “governare i flussi”.

D come “Diari della motocicletta”. Una coppia di giovani sposi viterbesi in viaggio verso Capo Nord per la loro luna di miele. La Fune vi sta raccontando questa avventura, che vale tanti lettori quanti i chilometri percorsi. Grazie e auguri!

P come “Paliano” ma anche come “prima o poi Viterbo sarà una città termale”. Questa settimana l’approvazione, da parte del consiglio comunale del Piano Particolareggiato. Dopo quindici anni il “protezionismo” sul sistema termale viterbese sembra essere saltato. Ora, c’è da augurarsi la nascita di una città termale vera e propria. Con un’offerta diversificata, capace di comunicare e di attirare fruitori. Consigli spassionati: coinvolgere gente capace in questo ambizioso progetto, astenersi dal solito giretto degli amici e perditempo.

R come “Russia”. Guardano la Tuscia dal buco della serratura del web. La Russia, insomma, ha voglia di Tuscia. Qualche lettore ci ha fatto notare che vale anche il contrario. Segnali di buona accoglienza all’orizzonte.

R2 di “rifiuti”. Quelli abbandonati al Riello sono anche andati in fiamme. Qui la situazione si fa seria ma dentro Palazzo dei Priori sembra non esserci nessuno.

S come “strani incendi”. E’ andata in fiamme l’auto del noto avvocato Roberto Alabiso. Segue di qualche mese all’incendio della Smart del consigliere Claudio Ubertini e ad alcuni incendi che hanno bruciato delle campagne nell’area di Tobia. Nella Tuscia si scopre il fenomeno dell’autocombustione. O ci sarà qualche altro fenomeno all’origine di questi terribili fatti?

T di “trasporto pubblico locale”. A Francigena andrà il contributo regionale di circa un milione e mezzo di euro. Non sappiamo se si tratti di un servizio di qualità, di sicuro è un servizio che costa.

V di “viterbesi”. Davide Titocchi è l’etrusco della settimana. E’ ideatore di un gioco ispirato a Mafia Capitale, di cui hanno parlato anche i giornali nazionali.

Natale Viterbo