L’alfabeto de La Fune – La top ten

L’alfabeto de La Fune – La top ten

Da Moana alle pozze fino ai francesi che stanno per arrivare il primo aprile. In città è aumentata la vendita di caschi da moto e c'è chi vorrebbe "crocifiggere" Santucci in sala mensa. Ma c'è anche chi avrebbe visto Luisa Ciambella ordinare tzatziki. Leggi tutto in 10 lettere.

ADimensione Font+- Stampa

A come “Avignone”, di questa settimana la notizia dell’arrivo della delegazione francese a Viterbo. Tutto a partire dal primo aprile, speriamo non si tratti di un “pesce”.

B di “Banca d’Italia”. La spendine review sta per “seccare” la sede viterbese. Qualcuno ha in mente cosa fare con un simile bene, così importante e centralissimo? Da escludere l’opzione mini appartamenti. Non tirano più e se si continua di questo passo non ci saranno più banche per i mutui.

C di “capitale italiana della cultura”. Altro tema che ha tenuto banco di brutto. Giovedì l’annuncio quasi a sorpresa del comitato scientifico dei 20 saggi, subito dopo le polemiche. A dare fuoco alle polveri il consigliere comunale Marco Ciorba che vince il premio “picconatore” alla Cossiga. Per lui la scelta del professor Claudio Margottini come coordinatore va letto come il modo “per dare un incarico al primo trombato di Viva Viterbo”. Premio “passo del gambero” a Giulio Marini. Prima messo in commissione da Michelini, cosa di cui non sapeva niente nessuno dell’opposizione, poi l’uscita in retromarcia. Ma che succede?

D come “dafault”. Santucci dice che Palazzo dei Priori sta per fare la fine della Grecia. L’assessore al Bilancio Luisa Ciambella dice che non è vero, ma c’è chi giura di averla vista ordinare dello tzatziki al bar San Leonardo.

G di Gian Maria Santucci, per lui è stata una settimana sempre sulla cresta del web. Prima ha fatto esplodere la grana del bilancio, poi quella dei soldi per le strade finiti nella costruzione della nuova Macchina di Santa Rosa. C’è qualcuno in maggioranza che vorrebbe “crocifiggerlo” in sala mensa.

M come “Moana Pozzi alle terme”. Un articolo che ha fatto il botto di lettori. Dice che abbiamo fatto lievitare l’acquisto di caschi e moto da cross. Peccato che il Bullicame sia ancora a secco.

P di “provinciali”. La competizione elettorale è stata fissata per il 3 maggio. Solo il centrosinistra può perdere, ma in queste cose potrebbero anche rivelarsi preparati.

S come “stallone del papa” o anche “Sallupara”. La Fune fa notare che se i lavori non partiranno entro il 18 aprile si rischia di perdere il milione di finanziamento per il recupero. Il Comune risponde e rassicura. Ci piace questo botta e risposta con il palazzo.

T di “termalismo”. Incredibile ma vero si è svegliato anche il Comune di Viterbo. Dopo un trentennio di letargo profondo e di assenza di Palazzo dei Priori da una vera sorveglianza e pianificazione dell’importante comparto venerdì mattina Delli Iaconi ha di fatto dichiarato guerra al far west di questi lunghi e bui anni. Speriamo di trovare anche qualche bravo sceriffo che faccia rispettare le regole e l’interesse dei cittadini tutti.

V come “Virgil”. Un progetto che conta di portare centinaia di studenti universitari americani ogni anno a Viterbo. I latin lover sono avvisati.