La Torretta, gli utenti: “È un rifiuto dei pellegrini, così la Francigena perde il suo spirito”

La Torretta, gli utenti: “È un rifiuto dei pellegrini, così la Francigena perde il suo spirito”

Sono molte le reazioni che si sono registrate alla notizia della chiusura dell’Ospitale La Torretta, la struttura chiusa d’ufficio dal nuovo priore del convento della Trinità. Una struttura che si era fatta apprezzare in tutta Italia e in tutto il mondo per la disponibilità e l’accoglienza dei camminatori della via Francigena

ADimensione Font+- Stampa

Da un tenero “peccato” al “rifiuto nei confronti dei Pellegrini”. Sono molte le reazioni che si sono registrate alla notizia della chiusura dell’Ospitale La Torretta, la struttura chiusa d’ufficio dal nuovo priore del convento della Trinità. Una struttura che si era fatta apprezzare in tutta Italia e in tutto il mondo per la disponibilità e l’accoglienza dei camminatori della via Francigena.

Ed è da tutto il paese che su Facebook gli utenti scrivono la propria solidarietà ai gestori dell’Ospitale e non mancano nemmeno delle più forti lamentele nei confronti del Priore stesso. “Mi continuo a domandare – scrive Ivo dal Friuli Venezia Giulia – se questo nuovo Priore conosce i dettami di Papa Francesco riguardo la misericordia e l’accoglienza”. Anna, che scrive da Genova, parla di una “via Francigena che incomincia a perdere il suo spirito” e che inizia a commercializzarsi troppo. Poi c’è chi parla di rifiuto dei pellegrini e molti che esprimono la propria amarezza ricordando il proprio passaggio a Viterbo, proprio presso l’Ospitale. “Peccato – commenta Luca – ero riuscito ad andarci a settembre e mi trovavo molto bene”.

Un altro Luca, da Firenze, dice che è un peccato, “perché era l’unica opzione a Viterbo”. Stefano da Pisa invece sostiene che “la Torretta è stata una delle migliori quando nel 2015 ho fatto la Francigena da san Miniato a Roma”. Ma è un viterbese a rilanciare una polemica mai sopita in Città, dove le realtà culturali fanno fatica. “A Viterbo – dice Maurizio – la cultura è birra e salsicce”.

Banner
Banner
Banner