La Torre di Chia apre ai visitatori

La Torre di Chia apre ai visitatori

Pasolini l’ha amata fin dal primo sguardo. Ha pensato al cambiamento della sua vita dentro le sue mura, ha creato capolavori con le parole proprio lì dentro. La Torre di Chia apre ai visitatori per ritrovare quella magia

ADimensione Font+- Stampa

Pasolini l’ha amata fin dal primo sguardo. Ha pensato al cambiamento della sua vita dentro le sue mura, ha creato capolavori con le parole proprio lì dentro. La Torre di Chia apre ai visitatori per ritrovare quella magia. Visitare quei luoghi significa aggirarsi tra le immagini del celebre film di Pasolini “Il Vangelo secondo Matteo”, ma significa anche  vivere il territorio e accendere i riflettori su una meta poco battuta dal turismo locale.

Il merito è della Cooperativa Sociale Il Camaleonte che è riuscito nell’intento. Con il servizio escursionistico “Gnamo”, tutti coloro che vogliono visitare l’antica torre possono ritrovarsi Domenica 22 Aprile alle 8:45 presso la località Sanguetta e iniziare il viaggio nelle bellezze di Chia.

La giornata si dividerà in vari momenti: la visita alla valle di Fosso Castello, all’area archeologica di Santa Cecilia, il pranzo al sacco all’ombra della torre che è stata il luogo scelto da Pasolini per il film “Il Vangelo secondo Matteo”.

Tutti gli itinerari organizzati dalla Cooperativa Il Camaleonte sono prenotabili e replicabili per un numero adeguato di partecipanti.

Camminare conduce la mente in un altrove che diventa scoperta.

 

 

Decarta racconta la Tuscia