La storica scuola di Musica ‘Carissimi’ apre una nuova e dinamica sede

La storica scuola di Musica ‘Carissimi’ apre una nuova e dinamica sede

Molti i progetti e molte le novità. Sale prova, stanza dedicata ai più piccoli per la propedeutica, studio di registrazione e molte altre idee che seguiranno l’inaugurazione che si terrà questo sabato 21 ottobre alle ore 17.

ADimensione Font+- Stampa

Una nuova sede per la storica scuola di Musica di Viterbo ‘Istituto Carissimi‘. La storica scuola dal centro si trasferisce fuori le mura, anche se poco ma fuori le mura.

La nuova sede, moderna, comoda e facile da raggiungere si trova in Via Monte Santo 17. Dieci nuove aule attrezzate e accoglienti per far studiare musica ai già molti allievi che frequentano la scuola. “I vantaggi – spiegano i coordinatori della scuola – sono molteplici. Infatti oltre a delle sale prova moderne con strumentazione nuova la scuola di musica dispone di 10 aule tutte a piano terra e studiate appositamente per fare musica.

Molti i progetti e molte le novità. Sale prova, stanza dedicata ai più piccoli per la propedeutica, studio di registrazione e molte altre idee che seguiranno l’inaugurazione che si terrà questo sabato 21 ottobre alle ore 17.

Era il momento di cambiare di dare ai nostri allievi una struttura importante dove sviluppare la loro passione, questa nuova struttura ha tutte le caratteristiche per crescere e per continuare il grande successo dell’Istituto Carissimi, che accompagna la vita musicale viterbese dal 1976”.

Nella nostra scuola è possibile studiare tutti gli strumenti, dal classico al moderno sempre con grande professionalità e disponibilità degli insegnanti. Molti i successi che hanno portato i nostri allievi a proseguire gli studi e diventare ormai musicisti trasformando di fatto una passione in un lavoro. 

“Continueremo su questa onda – continuano i responsabili – cercando di far divertire e allo stesso tempo dare nozioni musicali importanti a tutti i nostri allievi, chi lo fa per hobby, chi per passione e chi punta a diventare un musicista”.

 

Decarta racconta la Tuscia