La storia di Papa Francesco arriva nella Sala del Conclave

La storia di Papa Francesco arriva nella Sala del Conclave

Venerdì 15 aprile all'interno del Palazzo dei Papi sarà proiettato il film "Chiamatemi Francesco"

ADimensione Font+- Stampa

Jubilate, l’evento realizzato da Caffeina e dalla Diocesi di Viterbo in occasione dell’anno santo della chiesa, è giunto al termine, ma non il Giubileo e con esso gli eventi che caratterizzeranno anche la Città dei Papi fino alla fine del 2016. Dal teatro e le presentazioni letterarie, però, stavolta si passa al cinema, grazie a un’iniziativa realizzata dalla Diocesi cittadina in collaborazione con il Tuscia Film Fest e che vedrà la sala del Conclave trasformarsi in un vero e proprio cinema.

L’appuntamento è per venerdì 15 aprile alle 21 all’interno del Palazzo dei Papi, dove sarà proiettato “Chiamatemi Francesco”, il film che narra la storia dell’attuale pontefice Jorge Mario Bergoglio. Per la prima volta la sede del primo conclave della chiesa, diventa un cinema in piena regola. Lì dove fu eletto Gregorio X dopo mesi di discussioni fra i cardinali, ora verrà proiettata una pellicola sul suo attuale successore.

Circa 300 i posti previsti per la proiezione del 15 aprile, i cui biglietti sono già in vendita in questi giorni a 5 euro presso il Museo Colle del Duomo o sul sito internet www.tusciafilmfest.com. Oggi, invece, alla conferenza di presentazione si è parlato soprattutto del senso di questa iniziativa. La proiezione, infatti, si inserisce sia negli eventi legati al Giubile straordinario sulla misericordia, sia a quelli per la 53esima giornata mondiale di preghiera delle vocazioni e alla settimana vocazionale diocesana, in programma dall’8 al 17 aprile. Le iniziative per quest’occasione sono tantissime e culmineranno domenica 17 con la celebrazione eucaristica al Santuario di Santa Rosa, che per l’occasione sarà trasmesso anche da Rai Uno.

Mauro Morucci, direttore del TFF, si concentra invece sulla pellicola e sul luogo della proiezione. Un connubio importante quello fra la storia antica del Palazzo dei Papi e quella recente rappresentata da Papa Francesco. Alle proiezione, inoltre, sarà presente anche Daniele Luccheti, regista del film, che spiegherà come è riuscito a creare una pellicola in grado di affrontare la storia del Papa con grande lucidità e verità.

Soddisfatto dell’evento anche l’assessore alla cultura Antonio Delli Iaconi, che ha accolto con gioia la manifestazione di Diocesi e Tuscia Film Fest. Secondo l’assessore, infatti, negli ultimi anni Viterbo ha visto aumentare la sua vitalità culturale rispetto al passato, segno che il futuro della città passa proprio da questa ritrovata energia verso la cultura. Delli Iaconi ha sottolineato come il compito del Comune sia quello di supportare con ogni mezzo queste iniziative, per questo ha deciso di dare man forte al progetto appena gli è stato sottoposto.