La storia della Pantera nella Tuscia: “Anche io l’ho vista vicino Paparano, e non sono l’unico. Era il 2007”

La storia della Pantera nella Tuscia: “Anche io l’ho vista vicino Paparano, e non sono l’unico. Era il 2007”

Una storia che suscita spesso ilarità in chi l'ascolta, ma chi l’ha vissuta ce l’ha bene impressa in mente. “Per questa storia – scherza il lettore - mi ci prendono in giro da 9 anni, ma io l’ho vista, sono proprio sicuro. Stava sul lato guidatore, non mi ha considerato, ma ha continuato per la sua strada”.

ADimensione Font+- Stampa

“Anche io ho visto la Pantera e non solo l’unico”. Un giovane lettore de La Fune dopo aver visto l’articolo sul documentario Belva nera girato nel 2013 da Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis nel quale raccontano gli avvistamenti nelle campagne nella zona di Vejano di una pantera (la storia qui), ci ha raccontato la sua esperienza che per molti è solo leggenda perché della presenza del felino non si è mai trovata una traccia tangibile, oltre alle testimonianze di molti cittadini. Ma la testimonianza è vivida e credibile.

La presenza della pantera torna quindi a far discutere e far riemergere i ricordi di chi l’aveva vista e ne aveva pure fatto denuncia al comando dei Carabinieri. “Erano i primi di maggio del 2007, ero in macchina in piena notte in direzione Vitorchiano. Arrivavo da Viterbo e poco prima di Paparano mi sono visto questi due occhioni sul ciglio della strada. Li ho visti da lontano e quando mi sono avvicinato ho visto che era un felino enorme. Ho anche messo gli abbaglianti per capire meglio ma quando ci sono passato al fianco, stava sul lato del guidatore, mi sono spaventato e sono corso a casa e ho chiamato i Carabinieri ai quali ho detto che era un puma, ma era una pantera. Mi sono sbagliato, era una pantera”.

Della storia non sarebbe l’unico giovane testimone. “Poco tempo fa ho conosciuto dei ragazzi di Grotte Santo Stefano che mi hanno confermato di averla vista anche loro, sempre nella stessa zona e nello stesso periodo, dove ora c’è la rotatoria che porta all’ingresso della superstrada”.

Una storia che suscita spesso ilarità in chi l’ascolta, ma chi l’ha vissuta ce l’ha bene impressa in mente. “Per questa storia – scherza il lettore – mi ci prendono in giro da 9 anni, ma io l’ho vista, sono proprio sicuro. Stava sul lato guidatore, non mi ha considerato, ma ha continuato per la sua strada”.

Banner
Banner
Banner