«La squadra viterbese di Bridge è in serie A, non mi interessano le polemiche sui 1.500€»

«La squadra viterbese di Bridge è in serie A, non mi interessano le polemiche sui 1.500€»

«La squadra viterbese di Bridge è andata in serie A, non mi interessano le polemiche sui 1.500€». È il pensiero del consigliere delegato allo sport Sergio Insogna

ADimensione Font+- Stampa

Un polverone per 1.500€ per un torneo di Bridge. È quanto avrebbe chiesto il consigliere Livio Treta all’amministrazione comunale scatenando polemiche in città in seguito ad un articolo di Tusciaweb che lo sottolineava.

Poco importa al consigliere delegato allo sport Sergio Insogna che, rispondendo ad una domanda sul tema durante Sbottonati su Radio Verde questa mattina, ha cercato di smorzare i termini della polemica. “A me interessa solo il dato sportivo e parlo solo di questo. La squadra di Bridge di Viterbo è andata in serie A e questo è un ottimo risultato. Del resto non mi voglio interessare”.

  • Massimiliano Forieri

    invece si dovrebbe interessare, troppo comodo evitare di prendere posizione. La maggioranza si tiene insieme così a fatica da non consentire nemmeno di esprimere pareri? Comunque se può avere soldi il bridge, possono averli anche le bocce, il ping pong, il badmington e magari anche briscola e rubamazzo…per non parlare degli sport più popolari. Che fa il comune, finanzia tutti?

    • Simone Carletti

      Dipende, se stanno in serie B.. forse je puzza