La squadra di calcio dei richiedenti asilo\rifugiati della Tuscia: ecco Maledette frontiere

La squadra di calcio dei richiedenti asilo\rifugiati della Tuscia: ecco Maledette frontiere

Attualmente, Maledette Frontiere si allena presso il complesso sportivo della Barco-Murialdina Asd ed è in cerca di collaborazioni. Per ulteriori informazioni si può consultare anche la pagina Facebook del team. Per contatti invece il sito di Arci Viterbo.

ADimensione Font+- Stampa

Maledette Frontiere. È il nome della squadra di calcio, nata nel 2015, formata da ragazzi richiedenti asilo e rifugiati accolti in provincia di Viterbo nei progetti di integrazione gestiti da Arci Solidarietà Viterbo Onlus.

“Convinti che lo sport, e in particolare il calcio, possa contribuire a migliorare i rapporti relazionali tra i cittadini e i migranti e rendere più efficaci i percorsi di inclusione sociale – spiega Arci – da circa due anni e mezzo Maledette Frontiere è impegnata in iniziative di carattere ludico-sportivo contro il razzismo”.
La squadra ha preso parte a vari tornei amatoriali, con il coinvolgimento di associazioni e cooperative che si occupano di accoglienza sul territorio e squadre locali. Ogni anno poi partecipa, grazie alla collaborazione del Settore Detenzione di Arci Solidarietà Viterbo Onlus, al torneo che si svolge presso La Casa Circondariale Mammagialla di Viterbo tra richiedenti asilo e detenuti.

Attualmente, Maledette Frontiere si allena presso il complesso sportivo della Barco-Murialdina Asd ed è in cerca di collaborazioni. Per ulteriori informazioni si può consultare anche la pagina Facebook del team. Per contatti invece il sito di Arci Viterbo.