La settimana tra New York, led e il chiostro della Trinità: il best of dei lettori

La settimana tra New York, led e il chiostro della Trinità: il best of dei lettori

Nel bene e nel male è sempre importante confrontarsi con la realtà. Ecco allora la nostra settimana, anzi la vostra settimana. Quello che avete letto di più.

ADimensione Font+- Stampa

Ecco il nostro best of. Anzi il VOSTRO best of. Semplice, anche se.. Anche se a volte guardo la classifica degli articoli della settimana chiudendo gli occhi un attimo prima di aprirla. Perché? Perché a volte gli articoli più letti sono le storie più improbabili, quelle sulle quali non hai speso tanto tempo, magari a volte gli hai dato poco peso e invece scopri essere le più apprezzate. Nel bene e nel male però, è sempre importante confrontarsi con la realtà. Ecco allora la nostra settimana, anzi la vostra settimana. Perché la classifica la fate voi, leggendo e condividendo sui social network ciò che vi proponiamo (a proposito, grazie).

Gli articoli più letti sono dunque questi. Tante storie, ma anche polemiche. Come piace a noi. (1) Al primo posto regna Andrea Fabi, il giovane attore di Bagnoregio che ha conquistato New York. Lo abbiamo intervistato qui: una storia di successo fonte di ispirazione. A proposito, poi, Andrea è andato in scena ed è andata benissimo (leggete qui).

(2) Dai successi di Andrea Fabi alle sventure di casa nostra: la città si è divisa, la maggioranza si è divisa, e pure la redazione de La Fune si è divisa sulle luci di San Pellegrino. A qualcuno piacciono a qualcuno no. La storia comunque è qui.

(3) Dopo i successi e le proteste, non poteva mancare le speranza. Speranza riposta nella presunta volontà della maggioranza di Governo di rivedere l’assetto delle Regioni: la strada è tracciata, con la possibilità di una nuova maxiregione tra Umbria Toscana e Tuscia, e in Città sono tutti pazzi per la Viterbo umbro-toscana.

(4) Al quarto posto la bellezza del Chiostro della Trinità, fotografato magistralmente da Bruno Pagnanelli, e infine (5) al quinto la polemica tra Rossi, Ciambella e Vannini. Ma qui si torna ai led.