La porta dell’inverno si sta per aprire, crollo delle temperature di 15 gradi

La porta dell’inverno si sta per aprire, crollo delle temperature di 15 gradi

Gli uomini del meteo l'hanno ribattezzata Attila. E' la corrente di aria fredda che cambierà il volto della Penisola in questo fine settimana, facendoci risvegliare anche lunedì con temperature prossime allo zero. Previste piogge abbondanti.

ADimensione Font+- Stampa

Attila è in arrivo sull’Italia e porterà, dal weekend, freddo artico con un calo vertiginoso delle temperature fino a 15 gradi in meno. Il vortice, non a caso ribattezzato dal sito Ilmeteo.it con il nome del re degli Unni, interesserà tutte le regioni con abbondanti nevicate sui rilievi, a partire dai 400 metri sulle Alpi e sopra i 1400 metri sugli Appennini.

Giorno dopo giorno si va delineando la portata dell’invasione artica attuata da ‘Attila’, che dal Mare del Nord “si proietterà come un missile verso l’Europa e l’Italia”, spiega la redazione web del sito www.iLMeteo.it, con l’arrivo di pioggia, neve e vento su gran parte delle regioni della Penisola e un crollo termico di 15° in meno di 24 ore.

“L’alta pressione – informa iLMeteo.it – attualmente presente sul Mediterraneo centrale, nel corso della mattinata di venerdì 20 novembre inizierà a retrocedere verso la Spagna, cacciata dall’arrivo dell’aria polare di ‘Attila’”.
Il vento gelido “non riuscendo a scavalcare l’arco alpino, impatterà contro di esso portando tantissima neve su Svizzera e Austria, e poi entrerà in Italia sia dalla valle del Rodano (Francia Sudorientale) che dalla Porta della Bora (Alpi della Venezia Giulia). A questo punto, si formerà un minimo di bassa pressione sull’Alto Adriatico che farà peggiorare il tempo sull’Italia”.

Sabato 21 venti di tempesta su Mar Ligure, Tirreno, mare di Sardegna e intensi sul resto dei bacini. Piogge diffuse e localmente intense e abbondanti su Triveneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Umbria, poi Campania e Calabria ionica. Neve copiosa e abbondante in Appennino sopra i 1400 metri, anche con 30/50 cm di accumulo. Neve sulle Alpi a partire dai 1000 metri, ma in rapido calo fino a 4/500 metri, anche a quote inferiori sui rilievi occidentali.

Il risveglio di lunedì mattina vedrà minime sottozero su gran parte delle città del Nord, fino a -20° sulle Alpi, pochi gradi sopra lo zero anche al Centro. Di giorno al Nord a stento si salirà oltre i 9°, fino a 13/15° al Centro-Sud. La porta dell’Inverno si è aperta.