La poltrona di Troili è risorta dalle ceneri

La poltrona di Troili è risorta dalle ceneri

Viterbix e La Fune anche grazie alla segnalazione del cons. Francesco Moltoni sono riusciti in anteprima a riprodurla.

ADimensione Font+- Stampa

La poltrona di Troili è risorta dalle ceneri! Chi non si ricorda il gesto eclatante del consigliere integerrimo che voleva mandare in pensione l’assessore Alvaro Ricci e che voleva sfiduciare il sindaco Leonardo Michelini? Così tanto che per protesta bruciò la sua poltrona nel Focarone di Bagnaia. 

Ebbene! Udite, udite… sembra che questo consigliere abbia potuto riavere la sua amata poltrona grazie al recupero certosino e mirabile di un restauratore di nome Peppe. Dicono che l’umile consigliere che abbia fatto il capolista della lista Fioroni a Bagnaia, ma comunque l’importante era recuperare la poltrona incenerita.

Anche se  un po’ bruciacchiata e malmessa la sua poltrona e stata riattaccata con quintali di colla e sembra che una parte dei soldi destinati a Bagnaia, una volta erano 400.000 ora sono soltanto 150.000, siano stati adoperati per compiere questa mirabile opera di recupero. Poi si dice politici attaccati alla poltrona la sua è stata addirittura riattaccata!

Viterbix e La Fune anche grazie alla segnalazione del cons. Francesco Moltoni sono riusciti in anteprima a riprodurla.

I miracoli della coerenza politica!