La Pietà a Palazzo dei Priori dentro “scafandri” e a Londra “a tela nuda”. Perché?

La Pietà a Palazzo dei Priori dentro “scafandri” e a Londra “a tela nuda”. Perché?

Un dettaglio è balzato alla nostra attenzione. La Pietà è lì, a tela viva. Niente di sconvolgente, se non si confronta l'immagine con quella della mostra natalizia viterbese a Palazzo dei Priori.

ADimensione Font+- Stampa

La Pietà di Sebastiano Del Piombo è a Londra, nelle sale della National Gallery. Bellissima e pronta per lasciarsi guardare da occhi di appassionati d’arte provenienti da tutto il mondo.

Un bagno di gloria che solo realtà come Londra possono garantire, soprattutto dal punto di vista dei numeri. Ieri abbiamo guardato con interesse le foto che documentano la visita del sindaco Michelini e degli assessori Barelli e Delli Iaconi in visita al capolavoro. 

Un dettaglio è balzato alla nostra attenzione. La Pietà è lì, a tela viva. Niente di sconvolgente, se non si confronta l’immagine con quella della mostra natalizia viterbese a Palazzo dei Priori. Correva l’anno 2013, 4 anni fa e i due lavori del veneziano custoditi al Museo Civico vennero spostati in Comune. Per rendere possibile il tutto vennero inseriti all’interno di due strutture piuttosto ingombranti, definite dallo stesso Vittorio Sgarbi “scafandri”.

Si disse che erano necessari per tutelare le opere molto fragili. Abbiamo trovato naturale chiedersi: cosa è cambiato rispetto a 4 anni fa? Perché per rendere possibile l’esposizione viterbese furono necessarie quelle imponenti, e immaginiamo costose strutture, e ora non sono necessarie?

Un dettaglio su cui vorremmo avere risposte dall’amministrazione comunale. Anche perché immaginiamo che i soldi utilizzati per gli “scafandri” siano quelli dei viterbesi. 

La Pietà 01

  • pascal91

    Più che al Comune, bisognerebbe chiedere a quei ridicoli della Soprintendenza.

Banner
Banner
Banner