La mostra su Publio Muratore approda a Gallese, ampliata

La mostra su Publio Muratore approda a Gallese, ampliata

La mostra che celebra Publio Muratore, l’artista viterbese scampato all’orrore dei campi di concentramento, approda a Gallese, con un ampliamento che ricorda proprio il legami con la cittadina, sua terra natale

ADimensione Font+- Stampa

La mostra che celebra Publio Muratore, l’artista viterbese scampato all’orrore dei campi di concentramento, approda a Gallese, con un ampliamento che ricorda proprio il legami con la cittadina, sua terra natale. Ad organizzarla è il comune di Gallese in collaborazione con la famiglia di Publio Muratore dal 19 maggio al 10 giugno 2018 al Museo – Centro culturale « Marco Scacchi » di Gallese. 

Un modo per raccontare Publio Muratore attraverso il disegno, “strumento – spiegano gli organizzatori – per fissare su carta le prime impressioni, destinate poi ad essere sviluppate e trasformate per divenire scenografia, affresco, scultura, elemento d’arredo, acquerello, olio. Si intende quindi porre l’accento sul “primato” del disegno in quanto modo espressivo non mediato, in cui l’idea viene trascritta di getto; proprio per questo il disegno permette un contatto con l’universo più intimo dell’artista”.

Oltre la sezione su Gallese, anche quelle Viterbo, Studi, In viaggio, Bozzetti e Trascrivere l’idea: oltre il bozzetto. Patrocinata dalla Regione Lazio e dall’Archivio di Stato di Viterbo, si tratta della seconda esposizione nell’ambito del centenario della nascita di Muratore; la prima, tenutasi all’Ex Mattatoio di Viterbo dal 26 gennaio (data del centenario della nascita) al 18 febbraio 2018, ha costituito la prima occasione in cui è stata presentata al pubblico un’ampia selezione di disegni di Muratore, che vanno dallo studio, al bozzetto, fino alla presentazione del bozzetto accanto all’opera finita. La mostra sarà inaugurata il 19 maggio alle 18:30.

Decarta racconta la Tuscia