La mostra di Sgarbi apre i battenti l’8 dicembre

La mostra di Sgarbi apre i battenti l’8 dicembre

Presentata "La vita silenziosa delle cose", la mostra a Palazzo dei Priori dall'8 gennaio. All'inaugurazione sarà presente anche il promotore dell'evento, Vittorio Sgarbi.

ADimensione Font+- Stampa

Arriva la presentazione ufficiale della mostra di Natale in Comune. Sul banco dei relatori, però, ci sono solo l’assessore Barelli e Cesare Bernardini di Anonima Talenti. Assenti il sindaco Michelini e l’assessore alla Cultura Delli Iaconi, che dovrebbe essere il deputato ideale per presentare l’evento. I loro interventi, infatti, erano previsti, ma evidente qualche evento di forza maggiore li ha trattenuti.

La mostra, supervisionata dal Vittorio Sgarbi, arriverà a Viterbo per l’8 dicembre. Sarà il critico stesso a inaugurarla alle 12 a Palazzo dei Priori, poi nel pomeriggio l’apertura fino a fine gennaio. Il curatore, invece, è Simone Facchinetti.

Quaranta i quadri esporti alla sala Regia e in quella della Madonna, tema principale: la natura morta. Da opere di Fede Galizia a Vincenzo Campi, Evaristo Baschenis, Carlo Magini e Giacomo Ceruti, ma anche tele di Fortunato Depero, Ennio Morlotti e Giovanni Testori. Tutto questo sarà “La vita silenziosa delle cose”, un progetto partito durante Expo 2015 e che ha chiuso i battenti ieri a Milano, per essere spostato nel capoluogo della Tuscia.

L’assessore Barelli ha illustrato le vie di promozione dell’evento, scusandosi per la lentezza della promozione dovuta a “problemi legati al bilancio”. L’idea dell’amministrazione, comunque, è quella di “spingere” la manifestazione attraverso una massiccia campagna anche sui social, oltre che a manifesti e plance sul territorio.

Intanto il Comune ha commissionato l’allestimento, circa 16mila euro di spesa preventivata, che ospiterà la mostra e che al termine della stessa rimarrà in mano a Palazzo dei Priori. Il tutto è stato studiato per non coprire gli affreschi del palazzo comunale, che resteranno visibili ai visitatori. La mostra rimarrà aperta dall’8 dicembre al 30 gennaio, dalle 10 alle 19, compresi i giorni di Natale e Santo Stefano, con un costo di 5 euro a persona, fatte salve riduzioni per scolaresche.