<em>La Machena di Santa Rosa</em>: la poesia di Emilio Maggini

La Machena di Santa Rosa: la poesia di Emilio Maggini

Vissuto a Pianoscarano, uomo di grande saggezza. Poeta dialettale, riportato in scena recentemente da Pietro Benedetti. Durante le cene in piazza con i Facchini. Stiamo parlando di Emilio Maggini, di cui abbiamo deciso di mettere in evidenza, in questi giorni di grande centralità della festa di Santa Rosa, una poesia dedicata alla magia della Macchina.

ADimensione Font+- Stampa

Vissuto a Pianoscarano, uomo di grande saggezza. Poeta dialettale, riportato in scena recentemente da Pietro Benedetti. Durante le cene in piazza con i Facchini. Stiamo parlando di Emilio Maggini, di cui abbiamo deciso di mettere in evidenza, in questi giorni di grande centralità della festa di Santa Rosa, una poesia dedicata alla magia della Macchina.

LA MACHENA DI SANTA ROSA

‘Na torre allumenata

da mille stelle fatte luminelle,

straportata a son di museca

da cent’ommene gaiarde.

 

‘Ntanto chi cammina, pare chi balla.

Man chi la vede fa sintì ‘n tremore,

li vène da piagna,

prova ‘na gioia d’amore

guardanno millassù

‘ndove la santa parla sempre al core.

 

E Rosa e la Machena so’ ‘na cosa viva

E’ nata ciuca ciuca

e mo è crisciuta,

arriva a ficcà ‘l naso sopra ‘l tette.

 

Quarche vorta è cascata,

ci so’ scappate ‘l morte,

mae, pirò, è stato detto abbasta.

 

‘Sta tradizione è diventata passione,

‘na nobbele gara dil facchine

chi vanno a ‘nchinasse pi portalla.

 

Adè vanto di ‘sta popolazione;

e si campasse cent’anne

curre sempre ‘gni anno a vedella;

chi pi Rosa ‘sta torre brillarella

‘gni anno chi passa adè più bella.