La Macchina di Santa Rosa, da patrimonio Unesco a testimonial di un panino. Infuria la polemica

La Macchina di Santa Rosa, da patrimonio Unesco a testimonial di un panino. Infuria la polemica

Mordi anche tu un "Sotto col ciuffo". Una delle più mitiche frasi del Trasporto diventa un panino e la Macchina di Santa Rosa utilizzata come testimonial di una campagna pubblicitaria comparsa in queste ore sui cartelloni pubblicitari e sulle pagine pubblicitarie dei giornali cittadini. E' polemica.

ADimensione Font+- Stampa

Mordi anche tu un “Sotto col ciuffo”. Una delle più mitiche frasi del Trasporto diventa un panino e la Macchina di Santa Rosa utilizzata come testimonial di una campagna pubblicitaria comparsa in queste ore sui cartelloni pubblicitari e sulle pagine pubblicitarie dei giornali cittadini. 

Una roba che ha fatto perdere l’appetito a parecchi, che nella giornata di ieri hanno scritto a La Fune per chiedere di aprire una riflessione sul fatto. Il simbolo centrale della festa patronale ridotto a testimonial di un panino, da gustare in un noto ristorante del Pilastro. Un’operazione di comunicazione che sicuramente sta facendo discutere e che non è passata inosservata ma i punti interrogativi sull’opportunità dell’azione non sono pochi.

“Si può utilizzare un bene Unesco, come la Macchina di Santa Rosa, a fini commerciali?”, ci domanda un lettore. “Possibile che non ci sia nessuno posto a tutela dell’uso che viene fatto di uno dei simboli della città di Viterbo?”, rimbalza un altro. “Chi li ha autorizzati a fare questa cosa? E’ possibile usare così liberamente l’immagine della Macchina di Santa Rosa”, un’altra delle domande poste. 

La questione è effettivamente spinosa. Un’operazione di marketing geniale o troppo sopra le righe? Effettivamente il problema si pone.

porca vacca 02

Banner
Banner
Banner