La Larus guarda alle Olimpiadi attraverso i muscoli e il cuore di tre campioni

La Larus guarda alle Olimpiadi attraverso i muscoli e il cuore di tre campioni

Tre big e 150 atleti nuotano ogni giorno nelle vasche del Murialdo. Questa è la storia del centro Larus, che guarda al futuro e alle Olimpiadi attraverso i muscoli e il cuore di tre giovani campioni.

ADimensione Font+- Stampa

Un team di nuoto di livello per far sognare e crescere nello sport Viterbo. Questa l’operazione lanciata dal centro Larus, che punta tutto sul tris Laugeni, Gaetani e Malerba. Tre atleti di spessore che hanno scelto il capoluogo della Tuscia per allenarsi e puntare dritti verso le prossime Olimpiadi.

Questa mattina la conferenza stampa di presentazione. Al centro l’obiettivo di trasformare la Larus in un luogo di preparazione agli eventi nazionali e internazionali per nuotatori di massimo livello. In quest’ottica la preparazione a Viterbo di Fabio Laugeni, Giorgio Gaetani e Michele Malerba è importante.

Ecco i tre: Laugeni, classe ’94 di San Martino al Cimino, un titolo assoluto e un podio nei 200 dorso, un secondo posto al Mondiale juniores a Lima e tre podi europei, da sette anni alla Larus. Gaetani di Roma, classe ’94, con in tasca tanti titoli giovanili e un secondo posto agli assoluti di dicembre nei 400 misti. Infine Malerba di Lecce, classe 1991, terzo agli Europei giovanili di Praga nel dorso, due podi agli assoluti italiani, un argento nella Coppa Latina in Argentina.

La squadra Larus ha anche due nuotatrici di spessore: l’orvietana Emilia Pollasto e Sofia Tedeschi da Bastia Umbra. Nel fine settimana avranno un meeting a Viareggio, poi inizieranno a prepararsi gli assoluti invernali. Così il centro Larus cresce. Oggi 150 atleti nuotano nelle loro vasche. Un luogo di amicizia e sport, un bel clima. Dove anche lo sport di livello ha messo solide radici.