La grande Commedia dell’Arte ha fatto ritorno nel quartiere medievale

La grande Commedia dell’Arte ha fatto ritorno nel quartiere medievale

Un'altra grande performance per la compagnia TradirEfare Teatro, che negli anni si è fortemente accreditata in città con spettacoli durante Ludika 1243 e Come d'Arte

ADimensione Font+- Stampa

La Commedia dell’Arte è tornata a Viterbo, seppur sotto un cielo poco favorevole, lo scorso 11 settembre, quando a San Pellegrino è arrivato l’evento targato TradirEfare Teatro, la compagnia già nota in città per aver portato i propri spettacoli all’interno dei festival Ludika 1243 e Come d’Arte. “La legge dei denari – ovvero la tragicommedia del Mercante di Venezia”, questo il titolo dello spettacolo messo in scena nei giorni scorsi.

Un evento di drammaturgia liberamente tratto dalla classica vicenda, narrata da Shakespeare, dell’usuraio Shylock e del mercante Antonio, e adattata in questo caso al linguaggio delle maschere e della Commedia dell’Arte. Lo spettacolo è arrivato direttamente dai palchi del Roma Fringe Festival di quest’anno, nel quale è stato selezionato in concorso, raccogliendo un buon risultato di gradimento del pubblico.

Durante l’evento di domenica, la compagnia ha realizzato un apposito allestimento, volto a valorizzare al massimo la stupenda piazza medievale di San Pellegrino, rendendola per l’occasione un teatro perfetto: utilizzando le colonne della piazza come boccascena e le scalinate come spalti per gli spettatori, la piazza stessa ha accolto i “saltimbanchi” come nei secoli ha ospitato molti altri artisti itineranti, ricreando perfettamente lo spirito degli attori comici di un tempo che facevano di ogni piazza un teatro, per la meraviglia del pubblico. Un ottimo modo per utilizzare come cornice e mettere in luce quel centro storico medievale che è uno dei più belli d’Europa, tanto amato da artisti e pubblico insieme.”

Banner
Banner
Banner