La Fune fa rivivere la satira politica nella Tuscia, oggi la presentazione di ‘Io vivaio del mio’

La Fune fa rivivere la satira politica nella Tuscia, oggi la presentazione di ‘Io vivaio del mio’

L'appuntamento è fissato per le 18,30 presso il Caffè Letterario (Via Garbini 59). Un'iniziativa che punta a rimettere al centro la satira, elemento importante nel dibattito pubblico locale che nel Viterbese era andato smarrito. 

ADimensione Font+- Stampa

E’ il giorno della presentazione alla città di ‘Io vivaio del mio’, una raccolta di vignette firmate Viterbix e pubblicate da La Fune in questi anni.

L’appuntamento è fissato per le 18,30 presso il Caffè Letterario (Via Garbini 59). Un’iniziativa che punta a rimettere al centro la satira, elemento importante nel dibattito pubblico locale che nel Viterbese era andato smarrito. 

“Teniamo molto a questa operazione – spiegano Simone Carletti e Roberto Pomi de La Fune – e ringraziamo Viterbix per la sua grande capacità di sintetizzare situazioni e vicende in pochi tratti di matita. Abbiamo selezionato oltre 60 vignette e le proponiamo con tanto di contestualizzazione per permettere ai lettori di goderne al meglio. Invitiamo tutti i viterbesi a essere presenti all’incontro”. 

Un libro che promette bene già dal titolo. Titolo che fa il verso a quello che in questi anni è stato una sorta di mantra micheliniano: “Io campo del mio”.  La raccolta di “scherzi” e “schizzi” raccontano in maniera ironica e pungente i fatti e i personaggi della politica viterbese di questi anni. Inevitabilmente al centro di questa operazione di satira c’è il sindaco Leonardo Michelini e la sua amministrazione. Perché la satira mette in evidenza “i difetti” e le “criticità” di chi gestisce il potere in un determinato periodo storico.

“Il moschettiere Viterbix – continuano Carletti e Pomi – ci ha regalato qualche risata, momenti di profonda riflessione e ghigni. Ghigni buoni però, non come quelli di certo potere o del potere in generale. Perché il potere logora tutto e tutti, sia chi ce l’ha sia chi ne è privo. I primi perché spesso non reggono e vanno in confusione, sviluppando le tossine dell’arroganza e della spocchia, e i secondi per il continuo rodersi il fegato. L’antidoto a tutto questo è la satira”.

I due giornalisti e il vignettista si augurano la presenza anche di tanti politici, soprattutto di quelli che fanno parte della maggioranza guidata dal sindaco Michelini: “Sarebbe bello avere con noi anche il sindaco che in questi anni non ha mai detto una parola di critica o commento a queste vignette che abbiamo pubblicato su La Fune. Abbiamo apprezzato il suo “sopportarle” senza mai mostrare nervosismo. Questo gli fa onore e lo ringraziamo”.

Per la realizzazione grafica del libro è stato prezioso il lavoro di Manuel Gabrielli di Decarta, realtà che in sinergia con La Fune realizza diversi prodotti editoriali sul territorio. Di cui, al momento, il più noto è sicuramente la rivista ‘Aspettando Santa Rosa’.

Il ricavato delle vendite, tolte le sole spese di stampa, sarà donato a un’associazione del territorio che si sta spendendo per un’importante causa. La Fune e Viterbix hanno deciso di non sbandierare ai quattro venti con foto o altro quest’azione perché convinti che i gesti solidali e la pubblicità non vanno troppo d’accordo.

Venite a trovarci e procuratevi il libro. Una risata vi salverà!