La Fune chiede a Michelini un impegno serio per Villa Lante; il sindaco: “Accetto e incontrerò Edith Gabrielli”

La Fune chiede a Michelini un impegno serio per Villa Lante; il sindaco: “Accetto e incontrerò Edith Gabrielli”

La Fune, che ha deciso di chiamare il sindaco a un impegno per Villa Lante, è infatti convinta che “la madre dei giardini all'italiana” possa giocare un ruolo nello sviluppo turistico del capoluogo. Arrivando quindi a diventare un volano importante anche per l'occupazione.

ADimensione Font+- Stampa

Leonardo Michelini accoglie l’invito de La Fune a impegnarsi, durante questo ultimo anno di mandato, per valorizzare e incrementare il turismo a Villa Lante.

“Credo che la promozione di Villa Lante si possa fare in accordo con il Polo Museale del Lazio. Parlerò e intavolerò un ragionamento con la dottoressa Edith Gabrielli, accolgo il vostro invito e mi impegno a farlo”. Così il primo cittadino di Viterbo.

“In questi anni, come amministrazione, abbiamo creduto che il nostro patrimonio deve circolare – continua Michelini -. La Macchina di Santa Rosa a Expo e ora l’operazione con La Pietà alla National Gallery sono gli esempi più significativi di questa prospettiva. Anche Villa Lante la dobbiamo far conoscere. Si tratta dell’esempio più importante di giardino all’italiana. Una meraviglia che ha mantenuto la sua identità in cinque secoli”.

La Fune, che ha deciso di chiamare il sindaco a un impegno per Villa Lante, è infatti convinta che “la madre dei giardini all’italiana” possa giocare un ruolo nello sviluppo turistico del capoluogo. Arrivando quindi a diventare un volano importante anche per l’occupazione.

Banner
Banner
Banner