“La casa dell’amore” del comune di Viterbo. È parentopoli?

“La casa dell’amore” del comune di Viterbo. È parentopoli?

“Il comune di Viterbo è la casa dell’amore. Ci lavorano intere famiglie”. Parola della consigliera comunale del Pd Daniela Bizzarri.

ADimensione Font+- Stampa

YesWeekend_02“Il comune di Viterbo è la casa dell’amore. Ci lavorano intere famiglie”. In altre parole c’è una parentopoli da far impallidire anche le peggiori amministrazioni di questo paese. Parola della consigliera comunale del Pd Daniela Bizzarri che, citando il suo collega consigliere Arduino Troili, è intervenuta su un post Facebook.

“Il mio amico Arduino Troili – ha scritto Daniela Bizzarri – girando per gli uffici ha considerato il comune come la casa dell’amore. Ci lavorano intere famiglie fino al terzo grado. Anche questo sarà colpa di Michelini?”. Se fosse davvero così, forse sarebbe il caso di tirare fuori nomi e cognomi e sarebbe interessante capire se non sono stati assunti regolarmente e quindi come. E magari la stessa operazione si potrebbe fare anche per le partecipate, per capire se la stessa casa dell’amore vige anche lì. Perché sono migliaia le persone che sono senza lavoro a Viterbo e, senza voler fare retorica spicciola, sono queste le cose che vanno combattute per dar giustizia a chi non ha santi in paradiso.

Il tema è centrale vista anche la scarsezza della qualità degli uffici a cui il sindaco Leonardo Michelini e il presidente del Consiglio Filippo Rossi hanno imputato recentemente gran parte delle disgrazie della loro Amministrazione. Se non sono solo chiacchiere, si faccia chiarezza.

 

Schermata 2014-11-26 a 14.20.26