Isola Bisentina in vendita, quale futuro l’aspetta? Importante incontro in Provincia

Isola Bisentina in vendita, quale futuro l’aspetta? Importante incontro in Provincia

Per illustrare proposte di intervento mercoledi 31 maggio, alle ore 11, nella sede della Provincia di Viterbo, avrà luogo una conferenza stampa. Vi parteciperanno, insieme al presidente della Provincia Mauro Mazzola, Luciano Dottarelli, presidente del Club per l’Unesco Viterbo Tuscia; Aldo Forbice, giornalista e scrittore, presidente dell’Associazione Lago Ambiente e Giuseppe Nascetti, professore di Ecologia e Direttore del Dipartimento Scienze Ecologiche e Biologiche (DEB) all’Università della Tuscia.

ADimensione Font+- Stampa

L’isola Bisentina è in vendita, quale futuro l’aspetta? Appare ormai sempre più certa la vendita dell’isola Bisentina, sul lago di Bolsena, proprietà da oltre due secoli della famiglia Del Drago.

Da almeno due mesi le voci si rincorrono sui possibili acquirenti: si è parlato di sceicchi arabi, di affaristi russi, di facoltosi americani, ma anche di imprenditori italiani. Quest’ultima sarebbe l’ipotesi più plausibile, anche se non appare priva di rischi speculativi, anche se l’isola, per il suo alto valore storico, artistico e ambientale, è tutelata da rigorose leggi, regionali e nazionali.

Gli ambientalisti, le popolazioni e i sindaci dei Comuni del lago di Bolsena sono comunque molto preoccupati di possibili speculazioni private su un bene che appartiene alla collettività, alla Regione Lazio e all’Italia.

Per illustrare proposte di intervento mercoledi 31 maggio, alle ore 11, nella sede della Provincia di Viterbo, avrà luogo una conferenza stampa. Vi parteciperanno, insieme al presidente della Provincia Mauro Mazzola, Luciano Dottarelli, presidente del Club per l’Unesco Viterbo Tuscia; Aldo Forbice, giornalista e scrittore, presidente dell’Associazione Lago Ambiente e Giuseppe Nascetti, professore di Ecologia e Direttore del Dipartimento Scienze Ecologiche e Biologiche (DEB) all’Università della Tuscia.

All’incontro sono stati invitati anche rappresentanti delle associazioni culturali ed ecologiste della provincia di Viterbo e del Lazio.

Banner
Banner
Banner