Insogna e Moltoni a Michelini: “finiamola di prenderci in giro e diamo parola agli elettori”

Insogna e Moltoni a Michelini: “finiamola di prenderci in giro e diamo parola agli elettori”

I due consiglieri di minoranza prendono spunto dall’ultimo comunicato firmato da Giacomo Barelli per Moderati e Riformisti per tornare all’attacco di Leonardo Michelini.

ADimensione Font+- Stampa

Sergio Insogna e Francesco Moltoni attaccano la maggioranza: “ridiamo la parola agli elettori”. I due consiglieri di minoranza prendono spunto dall’ultimo comunicato firmato da Giacomo Barelli per Moderati e Riformisti per tornare all’attacco di Leonardo Michelini. Insogna e Moltoni sottolineano la confusione generata dalla nascita del movimento politico provinciale la schizofrenia con la quale si utilizzano le sigle che accompagnano i comunicati firmati dalle forze civiche che sostengono il sindaco di Viterbo. Aveva iniziato il consigliere Livio Treta (ne avevamo parlato qui) e poi ieri ha proseguito Giacomo Barelli (ne abbiamo accennato qui).

“Non solo l’Assessore in questione è il solo ad essere Moderato e Riformista a targhe alterne, abbiamo assistito anche ad interventi di altri colleghi – scrivono Insogna e Moltoni – che in Comune vestono panni diversi da quelli provinciali, e magari in Comune sono capigruppo di un movimento ed in provincia di un altro movimento, in cui ha confluito quello comunale”.

Con l’occasione Insogna e Moltoni tornano a chiedere a Michelini di dimettersi. “Finiamola di prendere in giro i cittadini, gli elettori e prenderci in giro a vicenda. Secondo noi – concludono – sarebbe più dignitoso e rispettoso, ammettere che il sistema di governo “fai da te” Michelini è fallito miseramente e che è doveroso e giusto dare a breve la parola agli elettori.