Inaugurata la mostra all’ex Mattatoio, Michelini: “Così andiamo oltre le mura”

Inaugurata la mostra all’ex Mattatoio, Michelini: “Così andiamo oltre le mura”

“Così andiamo davvero oltre le mura, o no?”, chiede il sindaco Michelini che si augura una comunicazione forte per portare a Viterbo tanti visitatori.

ADimensione Font+- Stampa

“È la prima volta che questa mostra arriva in Italia, così andremo Oltre Le Mura”. Il sindaco Leonardo Michelini è raggiante e fiero del lavoro fatto e gode di fronte alle opere di Keith Haring, Lucio Fontana e Modigliani facenti parte della mostra “1915-2015 Tra forma e segno” inaugurata ieri sera presso i locali dell’ex Mattatoio. A fianco dei grandi nomi portati dall’Anonima Talenti (leggi qui), anche alcuni viterbesi di nascita o adozione le cui opere sono state esposte in dei locali appositi adiacenti al percorso principale (con scarsa attenzione, leggi qui)

“Così andiamo davvero oltre le mura, o no?”, chiede il sindaco Michelini che si augura una comunicazione forte per portare a Viterbo tanti visitatori. “Abbiamo duplicato le presenze dei turisti, significa che stiamo lavorando bene”. E questo sarebbe un passo avanti per l’offerta turistica e culturale di Viterbo, come se i due concetti fossero intercambiabili.

Quanto alle polemiche sui processi decisionali e sul fatto che alla fine siano sempre gli stessi a lavorare, il Sindaco ha le idee chiare. “Nessuno a Viterbo avrebbe potuto portare una mostra di questo valore. Una mostra di arte contemporanea che è tra le più importanti in questo momento in Italia. Solo a Firenze, da quello che mi dicono, c’è una mostra di questo tenore”.

L’inaugurazione della mostra, curata dalla stimata Beatrice Buscaroli presente ieri a Viterbo, ieri ha registrato il tutto esaurito lasciando stupito Michelini stesso: “Se me lo avessero detto qualche mese fa non avrei mai accettato di fare una mostra di arte contemporanea e invece mi sbagliavo, c’è molta attenzione”.

Qui tutte le informazioni sulla mostra che rimarrà aperta fino al 29 maggio.

Decarta racconta la Tuscia