La partita col baffo, il rugby sfida il cancro

La partita col baffo, il rugby sfida il cancro

In campo col baffo. Questa è la partita che il rugby vuole giocare contro il cancro, sabato prossimo al Quatrini. La palla ovale è pronta a regalare le emozioni di un gioco unico e spettacolare, capace di coinvolgere tutti nel grandioso terzo tempo.

ADimensione Font+- Stampa

rugbyUna partita contro il cancro. A scendere in campo, rispondendo alla campagna di sensibilizzazione lanciata dalla Movember Foundation, saranno la Union Viterbo Old e Unione Orvietana Rugby. 

La Movember Foundation si batte da anni contro il cancro alla prostata e ai testicoli. Il match è in programma sabato prossimo al Quatrini (ore 16.30). L’incasso sarà devoluto alla Lilt, la lega italiana per la lotta contro i tumori.

Davanti, per ottanta minuti di puro divertimento, Viterbo Classic XV e Orvietana All Stars. Regole speciali, punteggi raddoppiati in caso di giocate spettacolari e baffo d’ordinanza, segno distintivo nato 10 anni fa a Melbourne quando, in un pub, dieci amici decisero di farli crescere per scommessa e raccogliere fondi sul cancro alla prostata.

E’ un modo per testimoniare la nostra vicinanza e dare un segnale che il tumore può essere sconfitto – dicono gli organizzatori – certo, a volte sembra un avversario insuperabile, uno davanti al quale puoi solo abbassare la testa ma non è così. E’ il momento di smettere di stare a guardare e rimboccarci le maniche. rugby, lo sport in generale, può essere un viatico importante per raggiungere l’obiettivo”.

E per questo sabato scenderanno in campo con la stessa maglia Old e giovanili. Giovani e meno giovani. Generazioni unite da una lotta comune che, dopo essersi date battaglia sul campo si ritroveranno a tavola per il terzo tempo che sarà offerto a tutti i presenti.