In arresto dipendenti pubblici e imprenditori per presunti appalti truccati

In arresto dipendenti pubblici e imprenditori per presunti appalti truccati

Sono cinque le persone coinvolte per ipotesi di turbativa d’asta, rivelazione di segreti di ufficio e corruzione, posti in essere, secondo quanto ricostruito, in relazione all’affidamento di lavori pubblici o al rilascio di titoli abilitativi ai fini della realizzazione di rilevanti attività commerciali.

ADimensione Font+- Stampa

Agli arresti domiciliari dipendenti pubblici e imprenditori per l’inchiesta su presunti appalti truccati ad Acquapendente. Sono cinque le persone coinvolte per ipotesi di turbativa d’asta, rivelazione di segreti di ufficio e corruzione, posti in essere, secondo quanto ricostruito, in relazione all’affidamento di lavori pubblici o al rilascio di titoli abilitativi ai fini della realizzazione di rilevanti attività commerciali.

Amministratori locali avrebbero operato per favorire alcuni imprenditori “con conseguenti gravi distorsioni della libera concorrenza commerciale – così si legge nella nota del procuratore capo Auriemma riportata da ViterboNews24 – e con significativi ritorni economici per i pubblici ufficiali coinvolti”.

L’imprenditore beneficiario sarebbe “in larga prevalenza” lo stesso. Il Gip di Viterbo ha deciso per l’arresto cautelativo per pericolo di reiterazione del reato e di inquinamento delle prove. Hanno contribuito alle indagini le forze del Corpo Forestale dello Stato.

Banner
Banner
Banner