Imu agricola, continua la battaglia di Agrinsieme

Imu agricola, continua la battaglia di Agrinsieme

Agrinsieme ha incontrato i parlamentari viterbesi Alessandro Mazzoli e Alessandra Terrosi per fare il punto su possibili emendamenti volti a ridefinire il "dannoso balzello" dell'Imu agricola.

ADimensione Font+- Stampa

Agrinsieme Viterbo continua la propria mobilitazione e mantiene alto il livello di attenzione sulla vicenda IMU perchè “riteniamo fortemente iniquo gravare di ulteriori balzelli aziende in difficoltà che hanno tra l’altro il grande merito di operare per la produzione di alimenti di qualità eccellente, per la difesa del paesaggio ed essere spesso anche l’unico bastione contro il dissesto idrogeologico del territorio”.

“Nella giornata di ieri – prosegue Agrinsieme Viterbo – abbiamo incontrato i parlamentari viterbesi Alessandra Terrosi e Alessandro Mazzoli, con i quali da molto tempo ci stiamo confrontando, per fare il punto della situazione dell’iter parlamentare del decreto 4/2015”.

Nel corso dell’incontro sono state verificate le possibili soluzioni in riferimento agli emendamenti al decreto legge presentati in commissione Finanze del Senato dove nei prossimi giorni inizierà la discussione.

Agrinsieme Viterbo infine, raccogliendo l’appello di tutti gli agricoltori e dei comitati spontanei contro l’IMU agricola, comunica che giovedì sarà presente all’incontro di Civita Castellana per confrontarsi con gli agricoltori sulle iniziative poste in essere al fine di trovare soluzioni che salvaguardino le aziende agricole e, non penalizzino ulteriormente un territorio dove l’agricoltura rappresenta, in termini economici ed occupazionali, una risorsa importantissima che non può essere condannata a morte con l’ennesimo balzello.