Immigrazione, dato in crescita a Viterbo ma rimane nella media nazione

Immigrazione, dato in crescita a Viterbo ma rimane nella media nazione

Un dossier annuncia un aumento dello 0,2 % rispetto allkscordo note

ADimensione Font+- Stampa

Aumenta il numero di immigrati nella Tuscia, ma alle altre province del Lazio va peggio. Il dato emerge dal Dossier statistico immigrazione del 2016, a cura del centro studi e ricerche Idos e presentato ieri a Roma. A Viterbo gli stranieri sono 30090, circa il 5% di tutti quelli del Lazio, con un aumento dello 0,2% rispetto all’anno precedente.

L’aumento degli immigrati a Viterbo è in linea con la media nazionale, ma nel resto delle province la situazione peggiora. A Roma, Rieti e Frosinone l’aumento rispetto all’anno predente sia aggira intorno al +1%. Peggio ancora va a Latina, che nell’ultimo anni ha aumentoato la presenza del 5,4%.

Un aumento questo nel Pontino, dovuto principalmente al maggiore impatto del settore agricolo nell’economia locale, con gli stranieri in cerca di un’occupazione attirati dalla possibilità di un lavoro nei campi. In totale nel Lazio sono 645.159 mila gli stranieri residente sul territorio, segnando anche una controtendenza con gran parte dei dati.

In 55 province su 104, infatti, è stata addirittura registrata una diminuzione degli stranieri. Roma batte addirittura Milano sul dato dell’immigrazione. Significativa poi la diminuzione delle donne straniere nel Lazio, dovuto quasi sicuramente alla diminuzione dei posti di lavoro nell’assistenza medica e alla crisi.

Banner
Banner
Banner