Il Tuscia gospel festival tira, in 4mila a vedere i concerti e mancano ancora due tappe

Il Tuscia gospel festival tira, in 4mila a vedere i concerti e mancano ancora due tappe

In 4mila hanno già partecipato al Tuscia gospel festival e mancano ancora due tappe. Una di queste è particolarmente importante: i ricavati andranno al Ceis di don Alberto.

ADimensione Font+- Stampa

gospelContinua sull’onda dello strepitoso successo ottenuto in questi giorni il Tuscia Gospel Festival. Anche se si trattava della prima edizione del festival la risposta del pubblico è stata straordinaria.

Il 23 dicembre a San Martino nell’Abbazia Cistercense hanno partecipato al concerto oltre 700 persone e se a questi si sommano gli spettatori degli altri concerti, si arriva quasi a 4.000 persone e il festival non è ancora finito.

Il 27 dicembre sarà per il festival un’altra giornata importante. Alle ore 21.00 nel Duomo di Viterbo si esibirà a favore del CEIS San Crispino The Charleston Mass Chior. Prestigiosa corale di 11 elementi provenienti da Charleston, la corale si compone di eccezionali voci sia per capacità interpretative che espressive.

La particolarità di questa corale consiste nel sapere mischiare ritmi moderni a quelli tradizionali, raggiungendo un equilibrio musicale di grande spessore artistico. Nella loro musica si possono trovare canti tradizionali rivisitati con gusto e creatività in linea con le nuove tendenze contemporanee. Il loro sound sa essere esplosivo ma anche carico di sfumature e suggestioni celestiali tipiche della più genuina tradizione gospel afroamericana.

Per questo Christmas tour 2014 presenteranno un concerto classico con tutte le canzoni tradizionali del gospel natalizio in alcuni casi impreziosite da ritmi musicali della loro generazione.L’ingresso alla serata sarà a

offerta e l’incasso sarà interamente devoluto a favore delle opere del Ceis San Crispino. “Mi auguro – dichiara Italo Leali uno dei direttori del Tuscia Gospel – che la risposta della città sarà imponente cosi come è stato per Viterbo con Amore il 19 dicembre. Realtà come il CEIS San Crispino vanno sostenute con forza e senza ma. Siamo orgogliosi che il festival oltre che a un momento di altissimo spessore culturale sia anche un evento che fa della solidarietà uno dei suoi punti fermi. Per quanto riguarda il festival sia io che Mario siamo felicissimi di come sono e stanno andando le cose e di come il festival abbia già attirato l’attenzione di importanti media nazionali. Dopo queste ultime due date ci metteremo da subito a lavoro per una grandissima seconda edizione nel 2015, un edizione che, viste le tante richieste ricevute in questi giorni da molti comuni del territorio, coinvolgerà la provincia di Viterbo. Una provincia che grazie alle sue splendide chiese e teatri si presenta come una scenario unico e perfetto per questa musica”.

Il Tuscia Gospel Festival, organizzato in collaborazione con il Comune di Viterbo dal Tuscia in Jazz Festival e Roma Gospel Festival, proseguirà fino al 28 dicembre.Il 28 dicembre alle ore 21.00 a Grotte di Santo Stefano ad ingresso libero nella Chiesa Parrocchiale si chiuderà questa prima edizione del Tuscia Gospel con il concerto di Cedric ShannonRives&UnlimitedPraise Gospel Singers.