Il Tar del Lazio boccia l’eolico dell’A&A sul territorio di Bagnoregio

Il Tar del Lazio boccia l’eolico dell’A&A sul territorio di Bagnoregio

Soddisfatto il sindaco Francesco Bigiotti che dal suo profilo facebook commenta: “Bagnoregio ha ottenuto un'altra vittoria. Questa volta al Tar, contro chi si ostinava a voler costruire un impianto eolico nel nostro territorio comunale".

ADimensione Font+- Stampa

Eolico nel territorio di Bagnoregio, il Tar del Lazio chiude il braccio di ferro tra la società A&A e il Comune. Dando ragione a quest’ultimo.

Soddisfatto il sindaco Francesco Bigiotti che dal suo profilo facebook commenta: “Bagnoregio ha ottenuto un’altra vittoria. Questa volta al Tar, contro chi si ostinava a voler costruire un impianto eolico nel nostro territorio comunale.

Non siamo contrari in termini assoluti alle energie alternative e rinnovabili, abbiamo però deciso che la vocazione del nostro paese debba essere un’altra, quella turistica.

Per questo difendiamo il nostro paesaggio, la straordinaria bellezza di un territorio ancora incontaminato, la nostra Civita e la sua spettacolare Valle dei Calanchi.

Non è la prima volta che vinciamo simili battaglie, continueremo a batterci sempre e in maniera irremovibile contro chiunque tenti di speculare e trarre profitto da questo nostro prezioso patrimonio”.

Il Comune di Bagnoregio negli ultimi anni ha adottato tutta una serie di misure fortemente restrittive verso le pale eoliche. La A&A aveva portato la questione al Tribunale Amministrativo Regionale chiedendo l’annullamento della determinazione emessa dall’amministrazione comunale in data 15 ottobre 2015.
Respinta, niente eolico.